Crea sito

[:it]Tuthmose III: La Battaglia di Megiddo[:en]Thutmose III: The Battle of Megiddo[:]

[:it]Tuthmose III: La Battaglia di Megiddo[:en]Thutmose III: The Battle of Megiddo[:]

07/13/2016 Arte e Cultura Egittologia Storia 0

[:it]

[Image: The battle of Megiddo]

Un’alleanza delle città Cananee era guidata sul fiume Oronte dalire di Kadesh e  Megiddo. Al fine di scofiggerli Tuthmose III fece marciare il suo esercito per dieci giorni dalla fortezza di confine di Sileh a Gaza, la principale roccaforte Egiziana a Canaan. Dopo altri undici giorni hanno raggiunsero Yaham, dove tennero un consiglio di guerra.

Si sapeva che i Cananei avevano concentrato le loro forze nei pressi di Megiddo per c’erano tre vie d’accesso: I percorsi nord e sud erano più lunghi di quello centrale attraverso Aruna, ma erano meno facilmente difendibili. I generali avevano, come si è scoperto sbagliato, il percorso per Aruna era stato bloccato dalle forze Cananeee e venne consigliato al Faraone di prendere la via di Yokneam o Taanakh.

“Ora due (altre) le strade sono qui. Una delle strade (ecco, è [ad est di] noi, in modo che si esce a Taanakh. L’altra (ecco, è sul lato nord di Djefti, ed esce a nord di Megiddo. Lasciate che il nostro Signore vittorioso proceda per una delle strade che è [soddisfacente per] il suo cuore, (ma) non passi per quella strada difficile!” 

Inscrizione dal Tempio di Amon a Karnak

Tuthmose respinse gli argomenti dei suoi generali, e prese la via per Aruna e ha raggiunse il fiume Qinah a sud di Megiddo senza incontrare alcuna opposizione. Fu allora che la disposizione delle forze Cananei diventò chiara. Un contingente di fanti proteggeva la strada sud da Taanakh, mentre la parte settentrionale di Megiddo era  controllata da altra fanteria. I carri erano concentrati intorno la stessa Megiddo, in attesa che le forze Egiziane attaccate dai fanti si sarebbero ritirato in fretta, come se stessero scappando. Le truppe Egiziane i rotta potevano essere attaccate dai carri Cananei nascosti.

Karnak_Tempel

“Ecco, Maestà si arrivati insieme con il tuo esercito vittorioso e abbiamo riempito la valle; lascia che il nostro Signore vittorioso ci ascolti questa volta, lasciando che il nostro signore ci aspette nella parte posteriore del suo esercito e la sua gente. Quando la parte posteriore dell’esercito arriverà aulla nostra destra, allora combatteremo contro questi asiatici e non avremo nessun problema sulla parte posteriore del nostro esercito.”

Gli Egiziani si riposarono durante la notte e si disposero in tre ali. I Cananei furoni attaccati e fragorosamente inseguiti, i difensori di Megiddo si rifiutarono di aprire le porte e trascinarono i loro cocchieri in fuga dentro le mura per sicurezza. Invece di attaccare la città gli Egiziani cominciarono a saccheggiare i campi abbandonati, dando il tempo di organizzare la difesa dei Cananei.

220px-Egypt.Thutmose-III.statue

“Avremmo voluto che l’esercito di Sua Maestà non avesse messo il loro cuore per saccheggiare i beni di quei nemici, perché avrebbero catturato Megiddo in quel momento, mentre il vile nemico di Kadesh e il nemico di questa città si è risollevato.”

La conquista di Megiddo e dei suoi abitanti avvenne dopo un assedio di sette mesi e questo fu di vitale importanza.

“Tutti i capi di tutti i paesi del nord sono rinchiusi all’interno di essa. La cattura di Megiddo è la conquista di un migliaio di città.”

Tuthmose ha effettuato molti campagne a Canaan, e otto anni dopo la battaglia di Megiddo, prese Kadesh sul fiume Oronte. In seguito alla conquista di Retenu, costruì una flotta, che fu determinante nella ampliare l’estensione dell’influenza Egiziana su gran parte delle coste del Vicino Oriente. Il suo esercito poteva raggiungere qualsiasi città costiera della Siria via mare in quattro o cinque giorni, mentre a piedi il viaggio sarebbe durato più di una quindicina di giorni. L’arma della sorpresa fu la più efficace.

[:en]

An alliance of Canaanite cities was headed by the king of Kadesh on the Orontes and the king of Megiddo. In order to suppress them Thutmose III marched his army in ten days from his border fortress of Sileh to Ghaza, the main Egyptian stronghold in Canaan. [Image: The battle of Megiddo] After another eleven days they reached Yaham, where they held a war council.

    It was known that the Canaanites had concentrated their forces near Megiddo to which there were three access routes: The northern and southern routes were longer than the central route through Aruna, but were less easily defendable. The generals had, as it turned out wrong, intelligence about the Aruna route being blocked by Canaanite forces and counselled the pharaoh to take the Yokneam or Taanakh route.

‘Now two (other) roads are here. One of the roads ( behold, it is [to the east of] us, so that it comes out at Taanakh. The other ( behold, it is to the north side of Djefti, and we will come out to the north of Megiddo. Let our victorious lord proceed on the one of [them] which is [satisfactory to] his heart, (but) do not make us go on that difficult road!’

Inscription from the Amen Temple at Karnak.

Thutmose rejected the arguments of his generals, set out on the Aruna route and reached the river Qinah south of Megiddo without encountering any opposition.

    It was then that the disposition of the Canaanite forces became clear. A contingent of footsoldiers guarded the southern road from Taanakh, while the northern approaches of Megiddo were held by more infantry. The chariots were concentrated around Megiddo itself, waiting for the Egyptian forces to attack the footsoldiers who would quickly retreat as if they were fleeing.The pursuing Egyptians would break ranks and could be attacked by the hidden Canaanite charioteers.

Karnak_Tempel

Behold, His Majesty has come forth together with his victorious army and they have filled the valley; let our victorious lord hearken to us this once, and let our lord await for us the rear of his army and his people. When the rear of the army has come right out to us, then we will fight against these Asiatics and we shall not have no trouble about the rear of our army.

    The Egyptians rested during the night and disposed their forces in three wings. The attacking Canaanites were routed and so hotly pursued, that the defenders of Megiddo refused to open the gates and pulled their fleeing charioteers over the walls to safety. Instead of attacking the city the Egyptians began to loot the abandoned camps, which gave the Canaanites time to organise their defense.

Would that the army of His Majesty had not set their hearts upon looting the chattels of those enemies, for they would have captured Megiddo at that moment, while the vile enemy of Kadesh and the vile enemy of this town were being hoisted up.

220px-Egypt.Thutmose-III.statue

    The conquest of Megiddo and its inhabitants was vital; and it fell after a siege of seven months.

All the princes of all the northern countries are cooped up within it. The capture of Megiddo is the capture of a thousand towns.

    Thutmose led many more campaigns into Canaan, and eight years after the battle of Megiddo he took Kadesh on the Orontes. Following the conquest of Retenu, he built a big navy, which was instrumental in his extending Egyptian influence over much of the littoral Near East. His army could reach any coastal town in Syria by ship in four to five days, while by foot the journey would take more than a fortnight. Surprise became a major weapon in his arsenal.

[:]