Crea sito

[:it]TUTANKHAMON SUL TRONO D’EGITTO COME UN RISULTATO DI UN AUDACE COLPO MILITARE[:en]TUTANKHAMUN ON EGYPT’S THRONE AS A RESULT OF A MILITARY COUP[:]

[:it]TUTANKHAMON SUL TRONO D’EGITTO COME UN RISULTATO DI UN AUDACE COLPO MILITARE[:en]TUTANKHAMUN ON EGYPT’S THRONE AS A RESULT OF A MILITARY COUP[:]

09/13/2017 Arte e Cultura Egittologia Spiritualità Storia 0

[:it]

Recenti testimonianze archeologiche indicano che Tutankhamon è salito al trono come risultato di un colpo di stato militare. Una scena sul muro sulla tomba di Maya, la bambinaia del giovane re, scoperta recentemente a Saqqara dalla missione francese, ha incluso i cinque generali dell’esercito che si crede abbiano condotto il colpo di stato.

Nel mio libro Mosè Faraone d’Egitto, pubblicato nel 1990, suggerisco che Akhenaton non morì alla fine del suo regno di 17 anni, ma fu costretto ad abdicare dal trono da un colpo di stato militare. Il faraone Akhenaton, uno dei sovrani dell XVIII Dinastia che governò l’Egitto per 17 anni a metà del XIV secolo a.C., abolì gli antichi idoli egiziani a favore di un nuovo dio monoteista Aton, al cui culto il re voleva costringere il suo popolo. Akhenaton si affidò completamente sul sostegno dell’esercito nel suo confronto con il vecchio sacerdozio. Anche se non ha mai partecipato a nessuna guerra, il re è mostrato, nella stragrande maggioranza delle rappresentazioni, con la Corona Blu o la corta parrucca nubiana, entrambi appartenenti al suo capo militare, piuttosto che alle tradizionali corone tradizionali delle Due Terre. Scene di soldati e attività militare abbondano sia nell’arte privata che in quella reale di Amarna. Se possiamo prendere i rilievi dalle tombe dei nobili come evidenze, allora la sua capitale era praticamente un campo armato. Ovunque vediamo parate e processioni di soldati, fanteria e carri da battaglia. Numerosi sono i soldati di guardia davanti ai palazzi, ai templi e lungo i confini della città; scene di truppe, che eseguono disarmate esercizi di combattimento alla presenza del re.

akhenaton4


L’esercito, fedele al trono, svolse la volontà del re senza nessun dubbio. La posizione di Ay, lo zio materno di Akhenaton, come comandante generale dell’esercito, assicurò la sua fedeltà alla dinastia. Ay ha tenuto cariche tra le più alte della fanteria e della cavalleria, insieme a Nakht Min, un altro generale a lui legato. Era la lealtà dell’esercito, controllata da Ay, che tenne Akhenaton al potere negli anni dopo la sua salita al trono come unico sovrano (alla morte del padre) nel suo dodicesimo anno. A quel tempo Akhenaton aveva sviluppato in grande misura le sue idee monoteistiche. Se Aton fosse l’unico Dio, Akhenaton, come suo unico figlio e profeta, non poteva permettere agli altri dèi di essere adorati contemporaneamente. Come risposta al rifiuto da parte dei sacerdoti di Amon come legittimo governatore, abolì il culto di Amon e cancellò il suo nome dalle pareti e le iscrizioni di templi e tombe. Successivamente abolì, in Egitto, il culto di tutti gli dei ad eccezione di Aton. Chiuse tutti i luoghi di culto, tranne quelli di Aton, confiscò le loro terre, disperse i sacerdoti e ordinò che i nomi di tutte le divinità dovessero essere tolti dai monumenti e dalle iscrizioni dei templi in tutto il paese. Le unità dell’esercito furono spedite nel regno per controllare che tutti i nomi degli antichi dei fossero stati tolti.

Almeno due eventi durante la coreggenza di Akhenaton con il padre Amenofi III indicavano una forte opposizione al loro regno. I graffiti del 30° anno di Amenofi III dal tempio della piramide di Meidum, al 3° anno di Akhenaton, indicavano un rifiuto da parte di alcune potenti fazioni, sulla decisione del re di porre «il maschio di sedersi sul trono del padre». Ancora una volta, la stele di frontiera di Amarna mostra che prima di decidere di lasciare Tebe e costruire la sua nuova città, Akhenaton aveva incontrato una forte opposizione ed era stato oggetto di critiche verbali. Certamente, non avrebbe lasciato la capitale della dinastia senza essere stato costretto a farlo. Il confronto finale tra il trono e il sacerdozio fu rinviato semplicemente perché dopo essere partito da Tebe, Akhenaton non aveva nulla a che fare con la gestione del paese, che fu lasciato a suo padre, Amenofi III.

071


La persecuzione di Amon e degli altri dèi, che doveva essere stata estremamente odiosa per la    maggioranza degli egiziani, era anche vista di malocchio ai singoli membri dell’esercito. Questa oppressione, che ha comportato la chiusura dei templi, l’invio di artigiani per eliminare il suo nome dalle iscrizioni, l’espulsione del clero, la scomunica del suo stesso nome, non avrebbe potuto essere condotta senza il sostegno attivo dell’esercito. Mentre l’esercito condivideva le stesse credenze religiose del popolo, è naturale che gli ufficiali non si sentissero molto soddisfatti del lavoro che stavano facendo. Così compare un conflitto tra la fedeltà dell’esercito al re e la sua lealtà alle credenze religiose della nazione. In definitiva, la durezza della persecuzione deve avere avuto un certo effetto sui soldati, che erano stati sollevati nelle vecchie credenze.

Le testimonianze archeologiche per sostenere questa affermazione sono giunte nel novembre 1997, quando il dottor Alain Zivie, archeologo francese, ha annunciato a Il Cairo la scoperta di una nuova tomba a Saqqara. In questa antica necropoli della Città Reale di Menfi, a dieci miglia a sud del Cairo, Zivie ha scoperto la tomba di Maya, la balia di Tutankhamon. La tomba, che si estende fino a 20 metri all’interno della montagna, è stata usata anche dall’inizio del periodo macedone Ptolemaico all’inizio del III secolo a.C. per la sepoltura dei gatti mummificati sacri di Bastet. Quando fu scoperta, la tomba era quasi piena di gatti mummificati, posizionati più di mille anni dopo la sepoltura originale. Il team congiunto della Missione Archeologica Francese e il Consiglio Supremo per le Antichità Egiziane ha scavato due delle tre camere note. Sulla parete della prima camera vi è una scena che raffigura Maya che protegge il re che è seduto nelle sue ginocchia. Le iscrizioni la descrivono come “la bambinaia Reale che ha nutrito il corpo del faraone”.

maya


A fianco e a sinistra di Maya ci sono sei funzionari che rappresentano il Consiglio dei Ministri di Tutankhamun, due sopra e quattro sotto, ognuno con diverse caratteristiche. Anche se nessuno dei funzionari viene menzionato, il Dr. Zivie è stato in grado di suggerire le loro identità dal loro aspetto e dal segno dell’ufficio che portano. Ha riconosciuto i due sopra e dietro a Maya come Ay e Horemheb. I quattro funzionari di seguito sono stati identificati da Zivie come Pa-Ramses (Ramses I), Seti, Nakht Min e Maya. Fatta eccezione per l’ultimo, che è anche chiamato Maya il tesoriere, i restanti cinque erano tutti generali dell’esercito egiziano e quattro di loro hanno seguito il re sul trono. Questa era la prima volta nella storia egiziana che il Gabinetto era composto, quasi totalmente, da generali dell’esercito, il che supporta la mia precedente opinione che Tutankhamon è salito al trono come risultato di un colpo di stato militare. Questi generali avrebbero potuto ottenere le loro posizioni solo nel Gabinetti di comando, e più tardi sul trono, a seguito di un colpo di stato militare.


Le nuove prove indicano che deve essere stata una sorta di movimento militare contro Akhenaton, guidato da tre generali dell’esercito: Horemheb, Ramses e Seti. Ay, il comandante dell’esercito, capì che non poteva schiacciare la ribellione anche con l’aiuto del generale Nakht Min. Quando fallì il suo tentativo di persuadere Akhenaton di consentire il ritorno dei vecchi dei, cercò di salvare la dinastia reale raggiungendo un compromesso con i leader della ribellione per consentire al re di abdicare e essere sostituito dal figlio Tutankhamon. Tutankhamon ha lasciato la capitale di suo padre Amarna per Menfi nel suo quarto anno, quando è stato raggiunto un compromesso in cui tutti gli antichi templi furono riaperti e il culto restaurato. Tuttavia, Aton rimase in posizione suprema, almeno per quanto riguarda il nuovo re.

ay


Ay, fratello della regina Tiye, madre di Akhenaton, è considerato il protettore militare dei re di Amarna ed è stato responsabile dei carri durante l’epoca di Akhenaton, mentre il generale Nakht Min è considerato suo parente. Akhenaton ha usato l’esercito per distruggere il vecchio potente sacerdozio e imporre al popolo la sua nuova religione monoteista. Ma l’esercito, che condivideva le stesse vecchie credenze come il resto della gente, non potè sostenere il re fino alla fine. È chiaro che Akhenaton ha affrontato, nel suo 17° anno, una rivolta dell’esercito guidata dai generali Horemheb, Pa-Ramses e Seti. Ay, sostenuto dal generale Nakht Min, non essendo in grado di schiacciare la ribellione, fece un accordo con loro per consentire l’abdicazione di Akhenaton e la nomina di suo figlio, Tutankhamon, come suo successore. Ciò spiega anche come Ay, quando salì Tutankhamon sul trono, scomparve misteriosamente, insieme a Nakht Min, per quattro anni, mentre i tre altri generali salirono al potere. Quando Horemheb seguì Ay come re, nominò Pa-Ramses e il figlio Seti come i visir e comandanti generali dell’esercito. A loro volta salirono al trono come Ramses I (che fondò la XIX Dinastia) e Seti I.


Ahmed Osman

 

 

[:en]

Recent archaeological evidence indicates that Tutankhamun came to the throne as a result of a military coup. A scene on the wall on the tomb of Maya, the young king’s nanny, discovered recently in Saqqara by the French mission, included the five army generals who are believed to have led the coup.

In my book Moses Pharaoh of Egypt, published in 1990, I suggested that Akhenaten did not die at the end of his 17-year reign, but was forced to abdicate the throne by an army coup. Pharaoh Akhenaten, one of the 18th dynasty kings who ruled Egypt for 17 years in the mid-14th century BC, abolished the old Egyptian gods in favor of a new monotheistic God, Aten, whose worship the king wanted to force upon his people. Akhenaten relied completely on the army’s support in his confrontation with the old priesthood. Although he never took part in any war, the king is shown, in the vast majority of representations, wearing the Blue Crown or the short Nubian wig, both belonging to his military headdress, rather than the traditional ceremonial crowns of the Two Lands. Scenes of soldiers and military activity abound in both the private and royal art of Amarna. If we may take the relief’s from the tombs of the nobles at face value, then his capital city was virtually an armed camp. Everywhere we see parades and processions of soldiers, infantry, and chariotry with their massed standards. There are soldiers under arms standing guard in front of the palaces, the temples, and in the watchtowers that bordered the city; scenes of troops, unarmed or equipped with staves, carrying out combat exercises in the presence of the king.

akhenaton4

The army, loyal to the throne, carried out the will of the king without questioning. The position of Aye, Akhenaten’s maternal uncle, as the Commander General of the army, assured its loyalty to the ruling dynasty. Aye held posts among the highest in the infantry and the chariotry, together with Nakht Min, another general related to him. It was the loyalty of the army, controlled by Aye, which kept Akhenaten in power in the uneasy years following his coming to the throne as sole ruler (upon the death of his father) in his 12th year. By that time Akhenaten had developed his monotheistic ideas to a great extent. If Aten was the only God, Akhenaten, as his sole son and prophet, could not allow other gods to be worshipped at the same time in his dominion. As a response to his rejection by the Amun priests as a legitimate ruler, he had already snubbed Amun and abolished his name from the walls and inscriptions of temples and tombs. Now he took his ideas to their logical conclusion by abolishing, throughout Egypt, the worship of any gods except Aten. He closed all the temples, except those of Aten, confiscated their lands, dispersed the priests and gave orders that the names of all deities should be expunged from monuments and temple inscriptions throughout the country. Army units were dispatched to excise the names of the ancient gods wherever they were found written or carved.

At least two events early in Akhenaten’s co-regency with his father Amenhotep III indicated strong opposition to his rule. The graffiti of Amenhotep III’s 30th year from the pyramid temple of Meidum, which would be year 3 of Akhenaten, pointed to a rejection by some powerful factions of the king’s decision to cause ‘the male to sit upon the seat of his father.’ Again, the border stele inscription of Amarna shows that, before deciding to leave Thebes and build his new city, Akhenaten had encountered some strong opposition and had been the subject of verbal criticism. Certainly, he would not have left the dynasty’s capital without having been forced to do so. The final confrontation between the throne and the priesthood was postponed simply because after he departed from Thebes, Akhenaten had nothing at all to do with the running of the country, which was left to his father, Amenhotep III.


071

The persecution of Amun and the other gods, which must have been exceedingly hateful to the majority of the Egyptians, was also hateful to the individual members of the army. This persecution, which entailed the closing of the temples, the dispatch of artisans to hack out his name from inscriptions, the banishment of the clergy, the excommunication of his very name, could not have been carried out without the army’s active support. As the army shares the same religious beliefs as the people, it is natural that the officers would not feel very happy with the job they were doing. Thus a conflict appeared between the army’s loyalty to the king and its loyalty to the religious beliefs of the nation. Ultimately, the harshness of the persecution must have had a certain effect upon the soldiers, who themselves had been raised in the old beliefs.

Archaeological evidence to support this claim came in November 1997, when Dr. Alain Zivie, a French archaeologist, announced in Cairo the discovery of a new tomb in Saqqara. In this ancient necropolis of the Royal City of Memphis, ten miles south of Cairo, Zivie uncovered the tomb of Maya, wet-nurse of Tutankhamun. The tomb, which extends 20 meters inside the mountain, was also used, from the beginning of the Macedonian Ptolemic period at the start of the 3rd century BC, for the burial of the sacred mummified cats of Bastet. When first found, the tomb was almost completely full of mummified cats, placed there more than a thousand years after the original burial. The joint team from the French Archaeological Mission and the Supreme Council for Egyptian Antiquities has excavated two of the three known chambers. On the wall of the first chamber is a scene depicting Maya protecting the King who is sitting on her knee. The inscriptions describe her as ‘the Royal nanny who breast-fed the pharaoh’s body.’

 

maya

Alongside and to the left of Maya’s seat are six officials representing Tutankhamun’s Cabinet, two above and four below, each with different facial characteristics. Although none of the officials is named, Dr. Zivie was able to suggest their identities from their appearance and the sign of office they carry. He recognized the two above and behind Maya’s seat as Aye and Horemheb. The four officials below were identified by Zivie as Pa-Ramses, Seti, Nakht Min, and Maya. Except for the last one, who is also called Maya the treasurer, the remaining five were all military generals of the Egyptian army, and four of them followed the king on the throne. This was the first time in Egyptian history that the Cabinet was composed, almost totally, of army generals, which supports my earlier view that Tutankhamun came to the throne as a result of a military coup. These generals could only have gained their positions in the cabinet, and later on the throne, as a result of a military coup.

The new evidence indicate that there must have been a kind of military move against Akhenaten, led by three army generals: Horemheb, Ramses, and Seti. Aye, the commander of the army, realized he could not crush the rebellion even with the help of General Nakht Min. When his attempt to persuade Akhenaten to allow the return of the old gods failed, he tried to save the royal dynasty by reaching a compromise with the leaders of the rebellion to allow the king to abdicate and be replaced by his son Tutankhamun. Tutankhamun left his father’s capital of Amarna for Memphis in his fourth year, when a compromise was reached in which all ancient temples were reopened and worship restored. Nevertheless, Aten remained holding its supreme position, at least as far as the new king was concerned.

 

ay

Aye, brother of Queen Tiye, Akhenaten’s mother, is regarded as the military protector of the Amarna kings, and was responsible for the Chariots during the time of Akhenaten, while general Nakht Min is thought to have been his relative. Akhenaten used the army to destroy the old powerful priesthood and force his new monotheistic religion on his people. But the army, which shared the same old beliefs as the rest of the people, could not support the king to the end. It is clear that Akhenaten faced, in his 17th year, an army rebellion led by generals Horemheb, Pa-Ramses, and Seti. Aye, supported by General Nakht Min, not being in a position to crush the rebellion, made a deal with them to allow for the abdication of Akhenaten and the appointment of his son, Tutankhamun, as his successor. This would also explain how Aye, when he succeeded Tutankhamun on the throne, disappeared mysteriously, together with Nakht Min, after four years, while the three other generals rose to power. When Horemheb followed Aye as king, he appointed both Pa-Ramses and his son Seti as viziers and commanding generals of the army. They in turn succeeded him on the throne as Ramses I (who established the 19th dynasty) and Seti I.


Ahmed Osman

 

 

[:]