Crea sito

Magia e Demoni Egiziani: Esorcizzavano gli spiriti malvagi Egyptian Demons and Magic: Exorcising Evil Spirits[:]

Magia e Demoni Egiziani: Esorcizzavano gli spiriti malvagi Egyptian Demons and Magic: Exorcising Evil Spirits[:]

09/26/2017 Egittologia Storia 0

 

La maggior parte di noi ha familiarità con le immagini delle divinità, dei re e delle regine dell’Egitto; ma per ognuna delle famose scene riprodotte da quei tempi, le figure soprannaturali più piccole e più oscure sono molto più numerose. Molte di queste entità rientrano in una categoria di esseri soprannaturali conosciuti come demoni o spiriti. Hanno continuato a esistere anche dopo la cultura faraonica, la fine del paganesimo, l’ascesa del cristianesimo, la venuta dell’Islam e persino nella nostra moderna epoca. Esiste una chiara continuità per queste entità nel tempo. Quando si tratta dell’Antico Egitto, lo studio di queste entità soprannaturali è ancora ali albori. L’università di Swansea ospita un database chiamato Demon Things, istituito nel 2016 e per motivi di bilancio ha una linea temporale limitata al 2000-1000 a.C., ma già ha migliaia di voci.

Storicamente, l’esistenza di qualcosa di riconoscibile come demoniaco è registrata prima ancora prima dei testi scritti, nelle immagini dell’arte. Queste entità hanno corpi umani, ma con una testa animale, il cosiddetto “demone caprino” che fu uno tra i primi ad apparire. Probabilmente questo poteva anche essere un uomo che indossava una maschera animale, li possiamo chiamare demoni piuttosto che mostri. I mostri in primo luogo appaiono molto più tardi dopo l’invenzione della scrittura e sono solitamente con testa umana, ma con un corpo animale. Per esempio, il terribile Pazuzu raffigurato nelle prime scene del film horror L’Esorcista.

Bronze-statuette-of-Pazuzu

Il mio primo studio del ruolo del demone nella magia Egiziana è stata pubblicata nel mio libro, Supernatural Assault in Ancient Egypt. Qui i demoni sono trattati a fianco di un culto esorcista egiziano noto come “Zar“. Il significato di Zar è incerto, ma probabilmente proviene da una lingua nordafricana trapiantata nell’Arabo come parola che significa “visitare” o “una visita”.

Tradizione magica popolare dello Zar

Il culto Zar è una tradizione magica del Nord Africa e del Vicino Oriente, principalmente in Egitto e Sudan; ma anche in Iran. Fa uso della musica e della danza per “esorcizzare” gli spiriti intrusi o Djinn. L’ho imparato prima del culto dello studio classico di IM Lewis di Ecstatic Religion, una ricerca sullo sciamanesimo e del possesso spirituale, sono stato anche molto ispirato da un capitolo del libro di Jan Fries sulla tecnica trance europea conosciuta come Seidr che egli trovò analoga alla tradizione dello Zar . Nel suo libro riproduce un importante mito fondamentale, come raccontato dall’antropologo Enno Littman negli anni Cinquanta. Una praticante donna, conosciuta come Mama (Baba per maschio), gli ha detto che lo Zar fu praticato per la prima volta nell’antico Egitto per curare la figlia di un re da un misterioso disturbo.

Manjour

Oggi i riti di Zar sono ancora molto praticati in Egitto ma tendono ad essere considerati come un mistero femminile. Infatti, mi è stato anche detto che la tradizione è veramente accessibile alle donne, ma per quanto ciò sia vero, questa non lo è sicuramente in Iran o in Sudan, e sarebbe uno sviluppo moderno. In Egitto, la tradizione Zar è intrisa di “Belly”, più precisamente la danza di Beladi. Beladi significa “ballo del villaggio” uno stile di danza originariamente praticato nell’Alto Egitto da parte degli uomini in combinazione con una tradizione di arti marziali di combattimento con bastone.

Posseduti da i Fantasmi

Negli anni ’30 Hans Winkler ha incontrato diversi medium in Egitto ed è stato in grado di registrare le loro storie in un contesto vivo come “Cavalieri Fantasma dell’Alto Egitto”. Il suo principale informatore era Abd al-Radi, un uomo regolarmente posseduto dal fantasma di suo zio, dal quale ha passato messaggi a coloro che venivano a cercare il suo aiuto. Winkler ha combinato questo lavoro con una ricerca innovativa sull’Arte del Deserto, Sigilli e “Personaggi” della stregoneria Islamica, collegando così il mondo Islamico e pre-Islamico di segni e simboli magici. Come nazista, presto tornò in Germania e morì durante il servizio militare.

Negli ultimi anni,nuovi studi hanno esteso questo lavoro. Dagli anni Ottanta lo studio accademico della magia è stato rivoluzionato da praticanti e accademici come Robert Ritner. Egli ha svelato i dettagli della Antica Demonologia Egiziana, mostrando finalmente la forza trainante di tutta la magia Egiziana.

Chris Morgan

http://www.ancient-origins.net