Crea sito

[:it]LA CORTE EGIZIANA E LA SUA AMMINISTRAZIONE[:en]The Egyptian Court and Administration[:]

[:it]LA CORTE EGIZIANA E LA SUA AMMINISTRAZIONE[:en]The Egyptian Court and Administration[:]

04/05/2017 Egittologia Spiritualità Storia 0

[:it]

amenofi3

I due faraoni del periodo Amarniano appartengono alla XVIII Dinastia, che intorno al 1560 a.C. avevano liberato la terra dal giogo di alcuni invasori Asiatici noti come Shasu. La nuova dinastia cominciò presto ad invadere l’Asia. Il Re Tuthmose III. (1503-1449 a.C.), dopo numerose campagne conquistò la Siria fino al Golfo di Iskanderun. Dalla parte Africana estese i confini del suo regno fino alla confluenza del Nilo e l’Atbara, in modo che la maggior parte della Nubia era sotto il suo dominio. Il terrore del suo nome non è morto con lui, ma per molto tempo fece un buon servizio ai suoi successori, il primo dei quali, Amenofi II., sembra inoltre che anche questo faraone abbia mantenuto energicamente la fama delle armi Egiziane. Per questa influenza le nostre tavolette d’argilla testimoniano il riferimento enfatico ai giorni del potente “Manakhbiria”, il prenome del Re Tuthmose III. Con la salita al trono di Amenofi III. lo spirito guerriero cessò di prevalere presso la Corte di Tebe. Non furono annessi nuovi territori da parte Egiziana nell’Asia Occidentale, ma le mire espansionistiche del nuovo re si trovavano in altre direzioni di guerra.
Gli Shasu (dall’antico egizio Š3sw, probabilmente pronunciato Shaswe) erano popolazioni di pastori nomadi di lingua semitica del Levante. Le loro tracce durano dalla tarda età del bronzo alla prima età del ferro, o Terzo periodo intermedio dell’Egitto. Organizzati in clan dipendenti da un capo tribale, sono stati descritti come briganti attivi dalla Valle di Jezreel ad Ashkelon e al Sinai.
La Nubia è una regione comprendente l’Egitto Meridionale (“Bassa Nubia”) lungo le rive del Nilo e la parte Settentrionale del Sudan (“Alta Nubia”), approssimativamente dalla Prima Cateratta alla Quarta Cateratta del Nilo. Il clima è fortemente continentale con ampie escursioni termiche tra il giorno e la notte. La regione si presenta montuosa e desertica. A parte il Nilo ed i suoi affluenti, data la scarsità delle precipitazioni, i corsi d’acqua sono a carattere torrentizio stagionale (widyān). In tempi antichi costituiva un regno indipendente, il Regno di Kush, sede di un’antica civiltà che fu una sorta di anello di congiunzione tra le genti del bacino Mediterraneo e quelle dell’Africa nera.

I due celebri Colossi di Memnon, i grandi edifici, l’importante ruolo svolto dalla moglie preferita Tiye, il ben riempito harem, il culto della “saggezza” (che in pratica, senza dubbio, era l’equivalente di quello che si dovrebbe chiamare “preziosità”); ultima, ma non meno importante, l’adorazione solenne della sua immagine divina; tutti questi fatti si combinano per indicare la condizione alterata delle cose che è sopraggiunse sotto Amenofi III. Egli regnò trentasei anni, abbastanza a lungo da permettere al movimento da lui introdotto di fare il suo corso. Suo figlio, Amenofi IV, è stato, tuttavia, altrettanto poco incline come suo padre a seguire le orme dei suoi bellicosi antenati. Ostacolato apparentemente da difetti corporei, questo Figlio del Sole ha impiegato la sua forza in un campo spesso molto più pericoloso di un campo di battaglia. Iniziò una riforma della religione Egiziana, a quanto pare in direzione di una sorta di monoteismo, in cui il culto principale era riservato per il disco del sole, il simbolo sotto il quale il dio Ra era adorato a Eliopoli nel Delta.

akhenaton4
Nulla può essere conosciuto della vita di questo re come erede, probabilmente non potremo mai capire che cosa lo ha portato a prendere questa nuova direzione. Dalla sua condotta durante i primi anni del suo regno si può concludere che intendeva procedere per gradi, ma si è irritato per le misure più aggressive della resistenza dei potenti sacerdoti di Amon a Tebe. Questi uomini agirono, ovviamente, per i propri interessi nel resistere tempestivamente anche a lievi tentativi di riforma. Forse anche l’obiettivo del re era stato fin dall’inizio di indebolire l’influenza della gerarchia tebana da nuove dottrine e per rafforzare il potere reale secolare. Si aprì una lotta tra i seguaci di Amon e quelli del disco solare, l’”Aton”, scoppiata nel secondo o terzo anno di Amenofi IV, vale a dire, circa nel 1380 a.C. La rimozione immediata della Corte da Tebe a Tell el Amarna, indica ad un fallimento degli sforzi reali, poiché l’ordine di costruire la nuova città non era da molto stato rilasciato, e il sito era ancora del tutto incompiuto. Il mondo ufficiale prontamente ruppe con la vecchia religione.

Il re alterò il suo nome di incoronazione, “Amen-Hotep,” in “Akhen-Aton”, “La gloria del Disco Solare”; le sue giovani figlie ricevettero i nomi composti con “Aton”, mentre i cortigiani hanno trovato opportuno sopprimere “Amon”, se questo per caso a faceva parte dei loro nomi, sostituendolo con “Ra”, che aveva più o meno lo stesso significato di “Aton”. “La dottrina”, sebbene i nuovi dogmi furono fissati nelle inscrizioni a Tell el Amarna, fu considerata una questione di politica interna in Egitto, e che i funzionari della Siria e della Palestina e di tutti gli altri stati non sembrano aver ricevuto alcuna informazione ufficiale in riguardo. La maggior parte di loro ha continuano a fare riferimento ad Amon in perfetta innocenza, e solo pochi che erano meglio informati iniziarono piuttosto tardi a prendere in considerazione il cambiamento. Così Yitia di Ashkelon, Pu-Adda di Wurza, e una certa Addudaian corressero il nome del commissario Egiziano “Amanappa” in “Rianappa.” Abimilki di Tiro a quanto pare anche cercato di aderire come iniziato alla “dottrina”, e a rappresentare la sua città come servo di Aton. Se questo fosse il caso, egli deve aver ricevuto una grave rifiuto, e dopo il suo tentativo ritornò di nuovo al vecchio stile. Né il reale, né l’orgoglio nazionale d’Egitto avrebbero subito tali confidenze.

La nuova capitale ricevette il significativo nome di “AkhetAton” (“orizzonte di Aton”) e fu solennemente consacrata molto prima che fosse finita. La vedova di Amenofi III, la regina-madre Tiye, veniva di tanto in tanto a visitare la nuova capitale, e fu accolta con ogni onore; evidentemente appoggiava le opinioni di suo figlio. Fino a che punto il dogma di Aton ha rappresentato un reale progresso nel pensiero religioso, può essere raccolto solo dai contenuti di alcuni inni rimasti sulle pareti di alcune tombe. In questi l’espressione devota del sentimento essere diventata più ricca e più spontanea, e la tendenza monoteista è evidente. Questa caratteristica, tuttavia, può spesso essere osservata da un lettore negli inni di Amon, e anche di divinità meno importanti: la divinità adottata come uno speciale oggetto di culto per ogni individuo è sempre favorevolmente rappresentata. Il dogma di Aton, essendo basato su fenomeni naturali e non sulla mitologia, era, naturalmente, eretico.

Quei funzionari che avevano accettato “la dottrina” erano considerati da Akhenaton come gli uomini meritevoli, e per questo motivo, Ai, chiamato Haya nelle lettere di Amarna, ricevette onori d’oro. Questo Haya, che fu intitolato “amato scriba reale,” era probabilmente un segretario di Stato, e una volta fu inviato come ambasciatore speciale a Babilonia. Dudu occupò un altro posto importante; Amanappa, che è già menzionato, sembra da una lettera da lui scritta a Rib-Addi di Gebal, essere stato un comandante in capo. Hani, Salma, Paura, Pahamnata, Hatib Maya, Shuta, Hamashni, e Zitana, appaiono tutti come portatori di incarichi reali in territorio Siriano. Un funzionario di nome Shakhshi riceve istruzioni per condurre una carovana reale. Ma per i vassalli Asiatici la carica più importante di tutti era il governatorato del Basso Egitto, il paese chiamato “Yarimuta”, un compito pesante in questo momento per Yanhamu. Le lettere provano abbondantemente che ogni vassallo che aveva sostenuto l’inimicizia di Yanhamu doveva percorrerlo con cautela. Il ministro del re di Alashia, anche se di uguale rango, inviò doni a questo uomo pericoloso, che aveva molestato mercanti di Alashia esigendo da loro quote illegali. Rib-Addi di Gebal perse terreno e il trono, nonostante l’appoggio di Amanappa, perché questo faceva piacere a Yanhamu; e di Milki-El di Gath ha fatto un grave esempio, a cui ci riferiremo in seguito.

aton

Nel complesso, le province asiatiche godevano di autogoverno sotto la supremazia dell’Egitto e gli svantaggi di questo stato di cose si rivelano in numerose lettere. Queste finiscono quasi sempre con una richiesta al re di venire di persona in aiuto dei suoi vassalli in difficoltà, o almeno di inviare le truppe. A volte questo è stato fatto, ma di solito tali spedizioni sembrano essere state intraprese con forze inadeguate e raramente hanno portato a una pace permanente. I principi nativi, comandanti e capi villaggio erano perennemente alle prese con l’altro. Facevano alleanze tra di loro, o entravano in trattati segreti con gli stati vicini e poi sfacciatamente lo negavano. Questa misero stato di cose può essere ricondotto a due cause principali, la questione dei tributi e l’immigrazione di tribù Beduine.

Il re non scherzava quando il tributo era in ritardo. Le scuse più valide erano la perdita del territorio, la guerra, il fallimento del raccolto venivano ricevute con sospetto, senza dubbio giustificate, in generale, ma che devono aver causato molto rigore in casi individuali. Il tributo ordinario era fissato, così come il regolare sussidio per le truppe reali e le forze che dovevano essere utilizzate in caso di emergenza. Ma i doni come le schiave, che dovevano necessariamente essere inviati non solo per i cortigiani, ma anche per lo stesso re, aggiunsero enormemente l’onere, tanto che ai capi più poveri una convocazione dall’Egitto a comparire di persona significava poco meno di una rovina. La resistenza ad essa era così sicura di essere contata su quel tale atto di citazione ed è stata spesso tenuta in disparte più come una minaccia che altro. Di tanto in tanto i piccoli governanti in Palestina e Siria trattenevano le loro staie18 di mais, tre buoi o venti pecore; o vennero considerati come Bakshish (regalo) e quindi il tributo in sé fu inghiottito e scomparve del tutto dalla contabilità. Era quasi impossibile adottare misure costose per punire tali delinquenti, allora la faccenda veniva girata a qualche vicino di casa del capo recalcitrante, e un po’ di guerra divampò abbastanza rapidamente. Ma quando i comandi diretti degli ambasciatori reali furono trattati come di dubbia autenticità, era poco probabile che l’autorità messe nelle mani di un pari avrebbe incontrato molto rispetto. Molto spesso scoppiavano remote liti, e quando finalmente i commissari reali si precipitavano sulla scena era difficile per loro dire se non fosse stato eseguito l’ordine originale.

133

Certamente la maggior parte dei beni originali dei trasgressori erano stati in gran parte perduti o distrutti, ma il bottino si era sbriciolato via passando attraverso innumerevoli mani, e il funzionario del re poteva cercarli da Dan a Beersheba19, o più lontano, ma invano. Finita la prima difficoltà una dozzina di altre sorgevano, fino che il sovrano sequestrava le sue quote con la forza, ma senza lasciare dietro di sé la pace. Le tavolette sono piene di riferimenti su queste complicate lotte, che non è sempre possibile seguire in dettaglio. Ulteriori confusioni furono causate dall’immigrazione di tribù Beduine. Nel nord i nomadi Sutu, nel sud gli Habiru premevano in avanti e avrebbero invaso il territorio Egiziano. E’ evidente che questa ulteriore pressione era stata calcolata per portare le cose ad una crisi, poiché i tributi, influenzavano prevalentemente i capi vassalli e tribù. Troviamo gli Habiru soprattutto nell’atto stesso di rovinare alcuni piccoli principi, altri preferirono fare trattati con i loro ospiti indesiderati, anche se questo in realtà era apparentemente solo in segreto.

Ma i Sutu raggiunsero i domini dei vassalli più potenti, e per due di questi, Aziru e Namjauza, furono presi apertamente in pagamento. Ovviamente tali alleanze con predoni in cerca di terra in potevano solo prolungare e inasprire il conflitto. In Palestina, senza dubbio, la pace quanto riguarda l’Egitto sarebbe stata presto restaurata se gli Habiru non avessro proceduto a prendere alcune roccaforti, che usarono come centri per ulteriori spedizioni, coinvolgendo così gli abitanti degli insediamenti a liti più ampie. Con l’aiuto dei Beduini, e l’agitazione universale, qualsiasi ambizioso vassallo dell’Egitto deve finalmente aver visto una prospettiva allettante per stabilire un regno indipendente, se solo avesse potuto ingannare il governo Egiziano abbastanza a lungo delle sue intenzioni, e ritardare o ostacolare tutte le misure che potevano essere adottate contro di lui.
Certamente il governo del Faraone non mancava di vigilanza ed era bene, se non troppo bene, servito in materia di informazioni.

Ma a fronte di reclami perpetui, suppliche di aiuto, che erano per la maggior parte incredibili garanzie di eterna fedeltà, non ci fu ovviamente per il re e i suoi consiglieri nessuna linea da prendere o per ordinare una spedizione militare su larga scala, o per trasformare un orecchio scettico per tutti allo stesso modo e confinare la loro attenzione solo per il tributo. L’orgoglio e la debolezza combinati li ha portati a prendere una via di mezzo pericolosa con l’invio di corpi inadeguati di uomini singolarmente nei distretti in agitazione. Una certa quantità di successo si ebbe utilizzando la politica; i re della Nubia “Pidati”, erano temuti dai tempi antichi, e i suoi mercenari, gli Shirtani, erano considerati come invincibili. Quando era una semplice questione di centinaia in campo contro centinaia, la comparsa di una compagnia o pochi soldati, poteva restaurare la pace per un certo tempo, ma le gravi ostilità tra masse di ribelli non potevano sempre essere controllate con questi piccoli numeri, e fu un duro colpo per il prestigio degli Shirtani quando furono sconfitti a Gebal dai Sutu.

La conoscenza che l’Egitto era lontano, e che il Figlio del Sole era molto occupato in questioni teologiche, ha portato i capi e funzionari di Siria e Canaan in atti di aperta sfida al loro sovrano. Gli Ambasciatori degli stati esteri furono derubati durante il loro viaggio verso l’Egitto, le carovane furono saccheggiate, e i doni inviati al Faraone vennero intercettati. Tutto ciò nonostante, ancora il flusso di retorica devozione scorreva nelle loro lettere.

[:en]

amenofi3

The two pharaohs of the Amarna period belong to the Eighteenth Dynasty, who around 1560 BC They had freed the land from the yoke of some Asian invaders known as Shasu. The new dynasty soon began to invade Asia. The King Tuthmosis III. (1503-1449 BC), after numerous campaigns conquered Syria to the Gulf of Iskenderun. On the African extended the boundaries of his kingdom to the confluence of the Nile and the Atbara, so that most of Nubia11 was under his rule. The terror of his name did not die with him, but for a long time did good service to his successors, the first of which, Amenhotep II., Also seems that this pharaoh has vigorously maintained the reputation of the Egyptian weapons. This influences our clay tablets testify to the emphatic reference to the days of the mighty “Manakhbiria”, the first name of King Tuthmosis III. With the ascent to the throne of Amenhotep III. He stopped the warrior spirit to prevail in the Court of Thebes. No new territories were annexed by the Egyptian in West Asia, but the expansionist ambitions of the new king were in other directions war.
The Shasu (from the ancient Egyptian Š3sw probably pronounced Shaswe) were Semitic peoples of the Levant speaking nomadic shepherds. Their last traces from the late Bronze Age to the early Iron Age or Third Intermediate Period of Egypt. Organized in clans employees from a tribal leader, they were described as active robbers from Jezreel Valley and the Sinai to Ashkelon.
The Nubia is a region comprising the Southern Egypt ( “Lower Nubia”) along the banks of the Nile and the Northern part of Sudan ( “Upper Nubia”), approximately from the First Cataract to the Fourth Cataract of the Nile. The climate is strongly continental with large variations in temperature between day and night. The region has mountainous and desert. Apart from the Nile and its tributaries, given the scarcity of rainfall, the rivers are torrential seasonal (widyān). In ancient times was an independent kingdom, the Kingdom of Kush, home to an ancient civilization that was a kind of link between the peoples of the Mediterranean and those of Black Africa.

The two famous Colossi of Memnon, large buildings, the important role of the favorite wife Tiye, the well-filled harems, the cult of “wisdom” (in practice, no doubt, was the equivalent of what you should call “preciousness”); Last but not least, the solemn adoration of the divine image; all these facts combine to indicate the altered state of things which is there came under Amenhotep III. He reigned thirty-six, long enough to allow the movement he introduced to take its course. His son, Amenhotep IV, was, however, equally disinclined like his father to follow in the footsteps of his warlike ancestors. Hampered apparently from bodily defects, the Son of the Sun has used its power in a field often much more dangerous than a battlefield. He began a reform of the Egyptian religion, apparently in the direction of a kind of monotheism, where the main worship was reserved for the disc of the sun, the symbol under which the god Ra was worshiped in Heliopolis in the Delta.

akhenaton4

Nothing is known of the life of this king as heir, probably we will never understand what led him to take this new direction. From his conduct during the early years of his reign, it can be concluded that he intended to proceed in stages, but it is irritated for more aggressive measures the resistance of the powerful priests of Amun at Thebes. These men acted, of course, for their own interests in resisting too early to mild attempts at reform. Perhaps also the target of the king had been from the beginning to weaken the influence of the Theban hierarchy by new doctrines and to strengthen the secular real power. It opened a fight between the followers of Amon and those of the solar disk, “Aton”, he broke out in the second or third year of Amenhotep IV, ie, approximately in 1380 BC The immediate removal of the court from Thebes to Tell el Amarna, indicates a failure of real efforts, since the order to build the new town was not long been released, and the site was still completely unfinished. The official world promptly broke with the old religion.

The king altered his coronation name “Amen-Hotep,” in “Akhen-Aton”, “The glory of the Sun Disc”; his two young daughters received compound words with “Aten”, while the courtiers found appropriate to delete “Amon”, if that by chance was part of their names, replacing it with “Ra”, which had more or less the same meaning “Aton”. “The doctrine,” though the new dogmas were fixed in the inscriptions at Tell el Amarna, was regarded as a matter of domestic politics in Egypt, and that officials of Syria and Palestine and all other states do not seem to have received any official information about. Most of them continue to refer to Amon in perfect innocence, and only the few who knew better began rather late to consider the change. So Yitia Ashkelon, Pu-Adda Wurza, and some Addudaian corrected the name of the Egyptian Commissioner “Amanappa” in “Rianappa.” Abimilki of Tire apparently also tried to join as started the “doctrine”, and represent his city as a servant of Aton. If this were the case, he must have received a severe rejection, and after his attempt returned back to the old style. Neither the royal nor national pride of Egypt would suffer such confidences.

The new capital was given the significant name of “Akhenaten” ( “Horizon of Aten”) and was solemnly consecrated long before it was over. The widow of Amenhotep III, the queen-mother, Tiye, was from time to time to visit the new capital, and was received with all honor; evidently he supported the views of his son. To what extent the Aton dogma has been real progress in religious thought, it can be collected only by the content of some hymns remaining on the tombs walls. In these the pious expression of feeling to have become richer and more spontaneous, and monotheistic trend is evident. This feature, however, can often be observed by a player in Amon hymns, and even less important deities: the divinity adopted as a special object of worship for each individual is always positively represented. The dogma of Aton, being based on natural phenomena and not on mythology, was, of course, a heretic.

Those officials who accepted “the doctrine” were considered by Akhenaten as deserving men, and for that reason, Ai, called Haya in the Amarna letters, received gold honors. This Haya, who was called “beloved royal scribe,” was probably a secretary of state, and once he was sent as a special ambassador to Babylon. Dudu occupied a more important place; Amanappa, which is already mentioned, it appears from a letter he wrote to Rib-Addi of Gebal, being a commander in chief. Hani, Salma Fear Pahamnata, Hatib Maya, Shuta, Hamashni, and Zitana, all appear as bearers of real assignments in Syrian territory. An official named Shakhshi instructed to conduct a real caravan. But for Asian vassals the most important position of all was the governorship of Lower Egypt, the country called “Yarimuta” a heavy task right now for Yanhamu. The letters abundant evidence that any vassal who had supported the enmity of Yanhamu had to follow it with caution. The Minister of Alashia king, although of the same rank, sent gifts to this dangerous man who had molested merchants Alashia demanding from their illegal quota. Rib-Addi of Gebal lost ground and the throne, in spite of the support of Amanappa, because this was pleased to Yanhamu; and Milki-El Gath made a serious example, to which we will refer later.

aton

Overall, the Asian provinces enjoyed self-government under the leadership of Egypt and disadvantages of this state of affairs are revealed in numerous letters. These almost always end with a request to the king to come in person to the aid of his vassals in trouble, or at least to send troops. Sometimes this was done, but usually such shipments appear to have been undertaken with inadequate forces and rarely led to a permanent peace. The native princes, commanders and village leaders were constantly struggling with each other. They made alliances among themselves, or entering into secret treaties with neighboring states and then blatantly denied it. This sorry state of affairs can be traced to two main causes, the issue of taxes and the immigration of Bedouin tribes.

The king was not joking when the tribute was late. The most valid excuses were the loss of territory, war, crop failure were received with suspicion, no doubt justified in general, but that must have caused much hardship in individual cases. The usual tribute was fixed, as well as the regular subsidy for the royal troops and the forces that were to be used in an emergency. But the gifts like slaves, who were bound to be sent not only to the courtiers, but also for the king himself, they added greatly the burden, so that the poorest of Egypt heads a summons to appear in person meant little less than a ruin. Resistance to it was so sure that I counted on that this summons and was often on the sidelines kept more as a threat than anything else. Occasionally small rulers in Palestine and Syria held back their corn staie, three oxen or twenty sheep; or they were considered Bakshish (gift) and then the tax itself was swallowed up and disappeared completely from the accounts. It was almost impossible to take costly measures to punish such criminals, then the matter was reversed to some recalcitrant neighbor of the head, and a little ‘war flared up pretty quickly. But when the direct commands of the royal ambassadors were treated as of doubtful authenticity, it was unlikely that the authority placed in the hands of a peer would have met a lot of respect. Very often remote quarrels broke out, and when at last the real commissioners rushed to the scene was difficult for them to say if the original order had been executed.

133

Certainly most of the original assets of offenders had been largely lost or destroyed, but the loot had crumbled away, passing through countless hands, and the royal official could look for from Dan to Beersheba, or further away, but in vain. After the first difficulty a dozen others stood up to the king seized his shares by force, but without leaving behind peace. The tablets are full of references to these complicated struggle, which is not always possible to follow in detail. Further confusion was caused by the immigration of Bedouin tribes. In the north the Sutu nomads in the south the Habiru pressed forward and would have invaded Egyptian territory. It ‘clear that this additional pressure was calculated to bring things to a crisis, because the taxes, mainly influenced the leaders vassals and tribes. We find the Habiru especially in the very principles of ruining some small, others preferred to make treaties with their unwelcome guests, although this was actually apparently only in secret.

But the Sutu reached the domains of the most powerful vassals, and for two of these, and Aziru Namjauza, were taken openly payment. Of course, these alliances with raiders in search of land could only prolong and exacerbate the conflict. In Palestine, no doubt, Peace With Egypt would soon be restored if the Habiru not avessro proceeded to take a few strongholds, where they made their centers for further expeditions, thus involving the inhabitants of a broader litigation settlements. With the help of the Bedouins, and the universal agitation, any ambitious vassal of Egypt must finally seeing an attractive prospect to establish an independent kingdom, if only he could fool the Egyptian government long enough of his intentions, and delay or obstruct any measures that could be taken against him.
Certainly the Pharaoh’s government did not fail to watch and it was good, if not too well served with regard to information.

But in the face of perpetual complaints, help pleas, which were for the most incredible guarantees of eternal fidelity, there was obviously not for the king and his advisers no line to be taken or to order a military expedition on a large scale, or to turn a skeptical ear to everyone equally and confine their attention only for the tribute. The pride and combined weakness led them to take a path of dangerous means by sending bodies of men singularly inadequate in districts agitation. A certain amount of success you had using the policy; the kings of Nubia “Pidati”, were feared since ancient times, and his mercenaries, the Shirtani, were regarded as invincible. When he was a simple matter of hundreds in the field against hundreds, the appearance of a company or a few soldiers, could restore peace for a time, but serious hostilities between rebel masses could not always be controlled with these small numbers, and was a blow to the prestige of Shirtani when they were defeated in Gebal by Sutu.

The knowledge that Egypt was away, and that the Son of the Sun was very busy with theological issues, led the leaders and officials of Syria and Canaan in acts of open defiance to their sovereign. The ambassadors of foreign states were robbed on their way to Egypt, the caravans were plundered, and the gifts sent to the Pharaoh were intercepted. This is despite still devotional rhetoric stream running through their letters.

[:]