Crea sito

IL PARADISO E L’INFERNO EGIZIO

IL PARADISO E L’INFERNO EGIZIO

01/27/2020 Ancient Egypt Egyptology History 0

Lo scopo di tutti i libri dell’altro mondo era di fornire ai morti una “Guida” o “Manuale”, che conteneva una descrizione delle regioni attraverso le quali le loro anime avrebbero dovuto passare per il loro regno nel regno di Osiride, o a quella parte del cielo in cui sorgeva il sole, e che avrebbe fornito loro le parole di potere e i nomi magici necessari per fare un viaggio senza ostacoli da questo mondo alla dimora dei beati. Per un periodo di duemila anni nella storia dell’Egitto, i Libri dell’Altro Mondo consistevano solo di testi, ma intorno al 2500 a.C. gli artisti funebri iniziarono a rappresentare in modo pittorico le principali caratteristiche del “Campo della Pace”, o “Isole dei Beati”, e prima della fine della XIX dinastia, circa 1300 anni dopo, tutti i principali libri relativi al Tuat furono ampiamente illustrati.

Nelle loro copie che erano dipinte sui muri delle tombe reali, ogni divisione del Tuat era chiaramente disegnata e descritta, e ogni porta, con tutti i suoi guardiani, era accuratamente raffigurata. Sia i vivi che i morti potevano imparare da loro, non solo i nomi, ma anche le forme, di ogni dio, spirito, anima, ombra, demone e mostro che avrebbero potuto incontrare sulla loro strada e i copiosi testi che furono dati fianco a fianco con le immagini che consentivano al viaggiatore attraverso il Tuat – sempre, ovviamente, purché le avesse imparate – di partecipare ai benefici che erano stati decretati dal dio Sole per gli esseri di ogni sezione di esso.

Nei tempi primitivi ogni grande città d’Egitto possedeva il proprio Altro Mondo e, senza dubbio, i sacerdoti di ogni città fornivano agli adoratori dei loro dei “opportune” guide per la dimora dei suoi morti. All’inizio del periodo dinastico, tuttavia, scopriamo che il culto di Osiride era estremamente popolare, e quindi era naturale che un gran numero di persone in tutte le parti dell’Egitto dovesse sperare e credere che le loro anime dopo la morte sarebbero andate nel regno nell’altro mondo su cui regnò. Le credenze legate al culto di Osiride si svilupparono naturalmente dalle credenze degli egiziani predinastici, che, abbiamo tutti i motivi per pensare, trattarono in gran parte della magia sia “Nero” che “Bianco”. Molte delle superstizioni, e la maggior parte delle idee fantastiche e semi-selvagge sugli dei e sui poteri soprannaturali racchiuse nella grande raccolta di testi religiosi chiamati PER-EM-HRU, furono ereditate dagli egiziani dinastici da alcuni dei più antichi abitanti del Valle del Nilo. Coloro che morirono nella fede di Osiride credettero nell’efficacia del libro PER-EM-HRU e si accontentarono di impiegarlo come “Guida” per un paradiso pieno di delizie materiali; il numero di coloro che erano “seguaci” di Osiride era molto grande sotto ogni dinastia in Egitto. D’altra parte, dalla IV dinastia in poi c’era una classe molto grande che non credeva in un paradiso puramente materiale e, stando così le cose, non sorprende che i Libri dell’Altro Mondo contenenti l’espressione delle loro opinioni debbano essere composti.

I principali libri degli Inferi in voga sotto la XVIII e XIX dinastia furono: – 1. PER-EM-HRU, o, “[Il libro] dell’uscire di giorno”. 2. SHAT ENT AM TUAT, o “Il libro di ciò che è nel Tuat”. 3. La composizione a cui è stato dato il nome “Libro delle porte”. Ora il primo di questi, che è comunemente noto come “La recessione tebana del Libro dei morti”, ci ha fornito molte preziose informazioni sulle credenze che fiorirono in connessione con una forma antica dell’antico culto di Osiride nel Delta, e con la forma successiva del suo culto, dopo aver assorbito la posizione e gli attributi di Khenti-Amenti, una vecchia divinità locale di Abydos. Gli altri due libri, tuttavia, sono importanti, ciascuno a modo suo, come il “Libro dei morti”, poiché gettano una notevole luce sullo sviluppo degli elementi materiali e spirituali nella religione dell’Egitto e commemorano la credenza nell’esistenza di numeri di dei primitivi, che sono sconosciuti al di fuori di questi libri. Il “Libro Am-Tuat”, nella forma in cui lo conosciamo, è stato redatto dai sacerdoti della confraternita di Amen-Ra a Tebe, con l’obiettivo esplicito di dimostrare che il loro dio era il signore di tutti gli dei, e il potere supremo in “Pet Ta Tuat”, o, come dovremmo dire, “Cielo, Terra e Inferno”. Il Tuat, o altro mondo, che immaginavano includeva il Tuat di ogni grande distretto dell’Egitto, vale a dire, il Tuat di Khenti-Amenti ad Abydos, il Tuat di Seker di Memphis, il Tuat di Osiride di Mendes e il Tuat di Temu-Kheper-Ra di Heliopolis.

Nel LIBRO AM-TUAT il dio Amen-Ra fu fatto passare attraverso tutti questi Tuat come il loro signore e dio, ei suoi sacerdoti insegnarono che tutti gli dei dei morti, incluso Osiride, vivevano attraverso le sue parole e che gli esseri del Tuat di cui godevano ogni giorno erano dovuti alla sua grazia e alla sua luce durante il suo passaggio attraverso le loro regioni e Circoli. Inoltre, secondo i dogmi dei sacerdoti di Amen-Ra, solo quelli che furono abbastanza fortunati da assicurarsi un posto nella corteccia divina del dio poteva sperare di attraversare il Tuat incolume, e solo quelli che erano i suoi eletti avevano la certezza di rinascere quotidianamente, con una nuova scorta di forza e vita, e di diventare di natura e sostanza simili con lui.

 

Nel LIBRO DELLE PORTE i dogmi e le dottrine di Osiride sono molto più importanti e lo stato del beatificato assomiglia molto a quello descritto nel “Libro dei morti”. In tempi primitivi in ​​Egitto gli uomini pensavano che avrebbero ottenuto l’ammissione nel regno di Hetep imparando e ricordando il nome segreto di questo dio e alcune formule magiche, e pronunciandole nel modo corretto al momento giusto. La necessità di una coscienza del peccato, del pentimento e di una vita di buone opere, non furono quindi ritenute indispensabili per l’ammissione nella dimora dei beati. Dal “Libro delle porte”, tuttavia, apprendiamo che nel tardo periodo dinastico era diffusa la convinzione che coloro che adoravano il “grande dio” sulla terra, e facevano tutte le offerte debitamente nominate, e non facevano da parte a “miserabili” piccoli dei “e vissuti secondo la maat, cioè rettitudine e integrità, avrebbero ricevuto una buona ricompensa perché avevano fatto queste cose. I testi di questi libri affermano che i beati vivono per sempre nel regno di Osiride e si nutrono quotidianamente del grano celeste della giustizia che scaturisce dal corpo di Osiride, che è eterno; è la giustizia stessa, e sono giusti, e vivono mangiando il corpo del loro dio ogni giorno. D’altra parte, il i malvagi, cioè quelli che non credevano nel grande dio o non facevano offerte, vengono fatti a pezzi dai divini messaggeri dell’ira e i loro corpi, anime e spiriti vengono consumati dal fuoco una volta per tutte.

 

Gli egiziani non credevano in un purgatorio. I fuochi dell’Altro Mondo erano, è vero, occupati quotidianamente nel bruciare i dannati e gli avversari del dio Sole, ma ogni giorno portava la sua scorta di corpi, anime, spiriti, demoni, ecc., Per annientare. In tutti i libri dell’altro mondo troviamo pozzi di fuoco, abissi di oscurità, coltelli omicidi, flussi di acqua bollente, serpenti infuocati, orribili mostri e creature dalla testa animale, e crudeli, esseri mortali che spacciano morte di varie forme, ecc., simili a quelli con cui abbiamo familiarità nella letteratura paleocristiana e medievale, ed è tollerabilmente certo che le nazioni moderne sono in debito con l’Egitto per molte delle loro concezioni dell’inferno.