Crea sito

[:it]Il Graffito di Meidum[:en]Graffiti of Meidum[:]

[:it]Il Graffito di Meidum[:en]Graffiti of Meidum[:]

07/21/2015 Egittologia Storia 0

[:it]

071

Il Graffito di Meidum

Un graffito dal tempio della piramide di Meidum, in Medio Egitto e risalente al tempo di Amenofi III, convinse Carter della coreggenza tra Akhenaton e suo padre: “Il graffito recita: ‘Trentesimo anno, sotto la maestà del re Neb-Maat -Re, figlio di Amon, riposa in verità, Amenofi III, principe di Tebe, signore di potenza, principe di gioia, che lo ama, che odia l’ingiustizia del cuore, ponendo prole maschile sul trono di suo padre, per stabilire la sua eredità sulla terra’. L’ “erede” di cui parla il graffito non può che essere Amenofi IV, che poi assunse il nome Akhenaton. C’era probabilmente un motivo per mettere questo giovane principe sul trono.”
Come al solito, Redford non è d’accordo con questa visione. Egli sostiene che il “figlio maschio” non è il figlio del re: “L’aggiunta dopo il prenome (nome di incoronazione) di ‘figlio di Amon’ è particolarmente significativo. Nelle iscrizioni formali è Amon che parla di come mettere il re sul suo (cioè di Amon) trono … L’inscrizione si riferisce interamente al re (Amenofi III); è lui che è chiamato il “maschio”, ed è la sua eredità di cui si parla e di come sia stabilita. “Suo padre” non è altro che Amon, l’epiteto “figlio di Amon” nella prima linea, essendo forse un’antecedente semantica “.
Il punto che l’autore sta facendo è, poiché Amenofi III stava celebrando il suo primo anniversario nel trentesimo 30, questa inscrizione indicava il ristabilimento del re sul trono ancestrale e la riconferma della sua eredità. Eppure, se guardiamo indietro il testo, troviamo prima che la data indicata si riferisce al re stesso, Amenofi III, il figlio di Amon, seguita da tre frasi:

1. Che ama (lui, il Re, ama) colui che odia l’ingiustizia del cuore;
2. Posizionando (lui, il Re, che sta mettendo) la prole maschile (l’erede) sul trono di suo padre;
3. E stabilendo (lui, il Re, che intende stabilire) la sua eredità (dell’erede) nella terra.

Nessuno può dire che, solo perché il re è chiamato “figlio di Amon” o il “figlio del Re”, o di qualsiasi altro dio, la dichiarazione che segue si riferisce al dio piuttosto che al re, ed è chiaro che il re è il soggetto dei verbi successivi. Poi di nuovo, celebrazioni giubilari non di eredità, ma piuttosto del rinnovamento del potere.

072

Per giustificare l’uso di uno strano epiteto “che odia la falsa parola”, è altrettanto chiaro che il re si riferisce a un tipo di opposizione ad una sua decisione. L’ingiustizia sembra significare “non ponendo l’erede sulla sedia di suo padre”, ma, mettendo suo figlio lì, il re stava facendo la cosa giusta garantendo la sua eredità. Inoltre Amenofi III sembra difendere un’azione che avvenn prima del trentesimo anno. L’unica spiegazione ragionevole sarebbe che Amenofi III sentiva che suo figlio ed erede, Amenofi IV, la cui madre, Tiye, non era l’ereditiera, poteva essere messo in discussione nella successione al trono dopo che il vecchio re fosse deceduto. Egli quindi decise, in vita, di nominarlo come coreggente indiscusso per dodici anni, questo deve aver avuto inizio nel ventottesimo anno, con i sacerdoti di Amon, quasi certamente essere fonte di protesta. Questa protesta potrebbe essere la stessa di quella menzionata, in una delle stele confine ad Amarna dove Akhenaton fa riferimento ad alcune critiche a lui di cui aveva sentito parlare prima di trasferirsi fuori di Tebe.

Il re fu considerato come il figlio fisico di Amon. Poichè Tiye non era l’erede quando sposò Amenofi III, non poteva essere considerata come la consorte di Amon e di suo figlio, quindi Amenofi IV, non poteva essere considerato fisicamente figlio di Amon. Il che significava che nella XVIII dinastia non sarebbe stato accettato come erede legale e re. La stessa situazione fu affrontata in precedenza dal faraone Thutmose III, la cui madre non era l’erede quando si sposò. In quell’occasione il rituale di adozione ebbe luogo a Karnak, dove l’immagine di Amon, portato dai sacerdoti, scelsero Thutmose III come il figlio di Amon. Una volta che Amenofi fu respinto dai sacerdoti, a sua volta respinse Amon, e scelse Aton come suo padre, prima di togliere Amon fuori dalla sua posizione suprema, e distruggere tutti gli altri dei, ed eventualmente stabilendo Aton come l’unico legittimo Dio, di cui Akhenaton era il figlio. Il vero senso della dichiarazione di Amenofi III nel graffito di Meidum non può essere diversamente compreso da questo contesto.

[:en]

071

 

A graffito from the temple of the pyramid of Meidum, in Middle Egypt and dating back to the time of Amenhotep III, convinced Carter of the harmony between Akhenaten and his father: “The graffiti recites: ‘Thirtieth year, under the majesty of King Neb-Maat-Re, Amon’s son, rests in truth, Amenhotep III, prince of Thebes, lord of power, prince of joy, who loves him, who hates the injustice of the heart, placing male offspring on his father’s throne, to establish his legacy on the land’. The “heir” mentioned in the graffiti can only be Amenofi IV, who then assumed the name Akhenaten. There was probably a reason to put this young prince on the throne. ”
As usual, Redford does not agree with this vision. He argues that the “son” is not the king’s son: “The addition after the first name (coronation name) of ‘son of Amun’ is particularly significant.In formal inscriptions it is Amun who talks about how to put the king on the his (that is, of Amun) throne … The inscription refers entirely to the king (Amenhotep III), it is he who is called the “male”, and it is his legacy that is spoken of and how it is established. father “is none other than Amon, the epithet” son of Amon “in the first line, perhaps being an antecedent semantics”.
The point that the author is making is, since Amenhotep III was celebrating his first anniversary in the 30th 30, this inscription indicated the reestablishment of the king on the ancestral throne and the reconfirmation of his legacy. Yet, if we look back at the text, we find before the indicated date refers to the king himself, Amenhotep III, the son of Amun, followed by three sentences:

1. Who loves (he, the King, loves) the one who hates the injustice of the heart;
2. Positioning (he, the King, who is putting) the male offspring (the heir) on the throne of his father;
3. And establishing (he, the King, who intends to establish) his inheritance (of the heir) in the earth.

No one can say that just because the king is called “son of Amun” or the “son of the King” or any other god, the following statement refers to the god rather than the king, and it is clear that the king is the subject of successive verbs. Then again, Jubilee celebrations not of inheritance, but rather of the renewal of power.

 

072

To justify the use of a strange epithet “that hates the false word”, it is equally clear that the king refers to a type of opposition to his decision. Injustice seems to mean “by not placing the heir on his father’s chair”, but by putting his son there, the king was doing the right thing by securing his legacy. Moreover, Amenhotep III seems to defend an action that advances before the thirtieth year. The only reasonable explanation would be that Amenhotep III felt that his son and heir, Amenhotep IV, whose mother, Tiye, was not the heiress, could be questioned in the succession to the throne after the old king had died. He then decided, in life, to appoint him as an undisputed coregent for twelve years, this must have begun in the twenty-eighth year, with the priests of Amun, almost certainly being a source of protest. This protest could be the same as the one mentioned in one of the border stele in Amarna where Akhenaten refers to some criticism of him that he had heard about before moving out of Thebes.

The king was considered to be the physical son of Amun. Since Tiye was not the heir when he married Amenhotep III, he could not be regarded as the consort of Amon and his son, so Amenhotep IV could not be physically considered son of Amon. Which meant that in the eighteenth dynasty it would not be accepted as a legal heir and king. The same situation was faced earlier by the pharaoh Thutmose III, whose mother was not the heir when he married. On that occasion the ritual of adoption took place in Karnak, where the image of Amon, brought by the priests, chose Thutmose III as the son of Amun. Once Amenophis was rejected by the priests, he in turn rejected Amon, and chose Aten as his father, before taking Amon out of his supreme position, and destroying all the other gods, and eventually establishing Aton as the only legitimate God, of which Akhenaten was the son. The true meaning of the declaration of Amenhotep III in the graffiti of Meidum can not be otherwise understood by this context.

 

[:]