Crea sito

I LIBRI SACRI EGIZI

I LIBRI SACRI EGIZI

09/02/2019 Ancient Egypt Egittologia Egyptology Religione Spiritualità 0

Nell’ultima era dell’antico Egitto gli scritti religiosi erano in gran parte tradotti in greco, in un momento in cui venivano studiati e raccolti come incarnazione delle idee di un mondo che stava già svanendo. Questo venerato passato ha mantenuto la sua presa sull’immaginazione in quanto conteneva poteri mistici per convincere l’invisibile e strani travestimenti di antiche formule, la cui efficacia non poteva essere rivaleggiata da scritti successivi che fossero caldamente intelligibili. C’erano quattro classi principali di scritti, su teologia, rito, scienza e medicina. Sebbene le compilazioni tardive siano quasi interamente perdute, tuttavia possiamo ricavarne la natura dalle porzioni dei documenti originali conservate in epoche precedenti.

L’opera più popolare nelle successive dinastie fu quella che è stata definita il Libro dei Morti dagli scrittori moderni. Non dobbiamo concepirlo come un tutto legato, come la nostra Bibbia; ma piuttosto come un accumulo incongruo di formule, parti delle quali furono prese a discrezione da vari scribi secondo i gusti locali o individuali. Nessun singolo papiro ne contiene nemmeno la maggior parte, e la scelta fatta tra il materiale eterogeneo è infinitamente vario. Le diverse sezioni sono state numerate da redattori moderni, a partire dall’ordine trovato in alcuni dei migliori esempi, e sono riconosciuti più di duecento di questi capitoli. Ogni varietà di credenza trova posto in questa grande collezione; ogni incantesimo o direzione che potesse giovare ai morti ha trovato un piede qui se ha raggiunto la popolarità. Dalla preistoria in poi ha formato un repertorio religioso senza limiti o regolamentazione. Porzioni conosciute alla fine del vecchio regno svaniscono interamente nelle copie successive, mentre altre appaiono che sono ovviamente di origine tardiva.

L’aggiunta incessante di note, l’incorporazione di glosse e l’accumulo di spiegazioni l’una sull’altra, ha aumentato la confusione. E per aggiungere al nostro stupore, gli scribi erano di solito piuttosto insensibili per gli errori in una scrittura che non potevano mai essere visti o usati da occhi vivi; e le corruzioni, che sono state a loro volta aggiunto, non hanno lasciato quasi alcun senso in molte parti. Nella migliore delle ipotesi è difficile seguire le illusioni di una fede perduta, ma tra tutte le varietà di idee e cattive letture sovrapposte, il compito della comprensione critica è quasi senza speranza.

Lo studio completo di tale opera avrà bisogno di molte nuove scoperte e occuperà generazioni di ingegnosità critica. Possiamo distinguere alcuni gruppi di capitoli, una sezione Osiriana sul regno di Osiride e il suo servizio, una sezione di teologia, una serie di incantesimi, formule per il ripristino del cuore, per la protezione dell’anima da spiriti e serpenti in le ore della notte, gli incantesimi per sfuggire ai pericoli ordinati dagli dei, un resoconto del paradiso di Osiride, una versione diversa del regno e del giudizio di Osiride, una dottrina eliopolitica sul ba e i suoi poteri di trasformazione completamente separati da tutti che è affermato altrove, il racconto della riunione di anima e corpo, formule magiche per entrare nel regno di Osiride, un altro resoconto del giudizio di Osiride, incantesimi per la conservazione della mummia e per creare efficaci amuleti, insieme a varie porzioni di popolari credenze.

Contrariamente al personaggio prevalentemente Osiriano sopra descritto, vediamo la religione solare dominante nel Libro di Am Duat, o quella che si trova negli inferi. Descrive le successive ore della notte, ogni ora recintata con porte sorvegliate da mostri. Ad ogni porta si devono pronunciare gli incantesimi giusti per sottomettere i poteri malvagi, e così passare attraverso il sole. Le credenze più antiche in Seker, il dio della terra silenziosa, e Osiride, il re del mondo benedetto, sono inserite nel nuovo sistema assegnando alcune ore per altri regni come parte del viaggio solare. Una variante di questo lavoro è il Libro delle Porte, che descrive le porte delle ore, ma omette Seker e rende Osiride più importante. Questi libri rappresentano le dottrine alla moda dei re ai tempi Ramessidi e sono conosciuti principalmente dalle tombe reali su cui sono incisi.

Un altro ramo dei libri sacri sopravvive nella teologia formale delle scuole che raggruppavano gli dei in Trinità o Enneadi. Questi erano certamente molto antichi, essendo stati formati sotto la supremazia di Eliopolis prima dell’ascesa della prima dinastia. E se il coordinamento artificiale degli dei di varie fonti è così antico, possiamo intravedere l’età molto più grande degli dei di Osiride, e ancora più lontano degli dei primitivi Seb e Nut e il primo culto degli animali. La grande enneade di Heliopolis consisteva in Shu, Tefnut, Seb, Nut, Osiris, Isis, Set, Nebhat e Horus; c’erano anche dei secondari e terziari di divinità minori. Quando il dio del sole Atmu divenne prominente, Horus fu omesso e gli altri otto dei furono chiamati figli di Atmu, che guidava il gruppo, come nei testi della Piramide. I nove non sono composti da tre triadi, ma da quattro coppie e un leader. Questo è dello stesso tipo delle quattro coppie di divinità elementali di Hermopolis sotto il dio principale Tahuti. Le triadi erano usuali nella maggior parte delle città, ma in molti casi erano chiaramente di accordo artificiale, al fine di seguire un tipo, le divinità essendo di importanza molto disuguale. A Tebe, Amon, Mut e Khonsu; a Menfi, Ptah, Sekhet e l’uomo deificato Imhotep; e in generale Osiride, Iside e Horus erano le triadi principali.

W. M. FLINDERS PETRIE