Crea sito

[:it]Grande tempio di Aton: Si conclude la stagione di scavo[:en]Great Aten Temple: the season wraps up[:]

[:it]Grande tempio di Aton: Si conclude la stagione di scavo[:en]Great Aten Temple: the season wraps up[:]

11/26/2017 Arte e Cultura Egittologia Storia 0

[:it]

Il Progetto Amarna ha appena completato il suo ultimo periodo di lavoro. Gli archeologi erano Barry Kemp, Miriam Bertram, Juan Friedrichs, Anna Hodgkinson, Slawomir Jedraszek e Julia Vilaró. Il Ministero delle Antichità è stato rappresentato successivamente sul posto dagli ispettori Moustafa Khallaf Mansour e Mahmoud Ibrahim Abd el-Samia e, con la responsabilità delle riviste, gli ispettori Hanan Mohktar Hakim e Abeer William Matta. Due ispettori, Fatma Sa’ad Sultan e Taysir Abu Sa’ud Ahmed, si sono uniti alla missione di addestramento nei metodi di scavo per il primo mese. La missione è grata all’ispettorato regionale delle antichità, Gamal Abu Bakr, Mahmoud Salah, Aly Bakri, Ahmed Fathi, Hamada Kallawi e ai loro colleghi per la loro assistenza, e al Comitato permanente del Cairo per il permesso di lavorare ad Amarna.
 
L’area di scavo si trovava di nuovo verso la parte anteriore dell’edificio principale in pietra, il Long Temple, e riguardava principalmente l’attenta rimozione della profondità di circa un metro di macerie depositata nel mezzo del regno di Akhenaton per innalzare il livello del suolo come parte del costruzione del Tempio Lungo. Nel fare questo ha sepolto e preservato le strutture dalla prima parte del suo regno. La rimozione ha confermato che il campo delle tavole di offerta di mattoni di fango, che è una caratteristica evidente dei vecchi piani del sito sul lato sud, era coperto in questo modo e quindi era invisibile al momento della costruzione del tempio di pietra. Se non sono stati ricostruiti sul nuovo livello del terreno (che è lo stesso dell’attuale livello del terreno), non è ancora possibile rispondere.
 
Tra le prime strutture vi sono altre due fondazioni di pietra rettangolare sommerse allineate tra nord e sud, che dovevano avere qualcosa costruito sopra di esse. Fanno parte di una linea nord-sud non contrassegnata in modo equidistante in questo modo. Hanno supportato le stele? Rappresentano la prima marcatura di un perimetro prima che l’area fosse murata?
 
Una parte dell’area scavata era stata successivamente ripulita dalle strutture e dotata di uno spesso strato di intonaco di fango originariamente imbiancato. Linee di fori di posta e segni lineari nell’intonaco definiscono un edificio rettangolare suddiviso in due parti. All’interno di due buche di posta finora completamente scavate, frammenti di intonaco di gesso erano incuneati, alcuni molto profondamente. Uno dei gruppi era stato dipinto. Il tema sembra essere di stranieri in cattività (grazie a Marsha Hill per l’aiuto con questa identificazione). Ciò indica la presenza di un’area rettangolare, di cui si possono scorgere tracce sul pavimento, dove il re si era seduto. Post buchi ad ogni angolo sono suggestivi di un baldacchino costruito separatamente. (Si potrebbe anche notare che l’edificio si affaccia sul sito del piccolo palazzo di pietra che fu poi costruito al livello superiore.) La modestia di scala e il metodo di costruzione dell’edificio sono contrari a ciò che ci si potrebbe aspettare per qualcosa di reale a questa volta. Se non fosse per l’intonaco dipinto, sarebbe una spiegazione più banale.

Questa non è la prima prova sul sito del tempio per gli edifici che usano pali di legno e pareti con schermi chiari. Una parte di questo tipo è stata trovata sul lato nord del tempio nel 2015, ed è ben rappresentata come una fase iniziale (scoperta nel 2012) nel sito della grande stele sul terreno tra la parte posteriore del Tempio Lungo e il Santuario. Essendo ampiamente separati, questi resti di architettura in legno suggeriscono uno schema deliberato anche se di una durata piuttosto breve.
 
Oltre a indagare sullo strato di macerie davanti al tempio, diversi vecchi scavi di trincee furono ripuliti dal loro riempimento di sabbia soffiata dal vento. Questo ha scoperto gli strati di fondazione in gesso-calcestruzzo originali per parti del fronte monumentale del Long Temple, incluso il South Pylon. Dopo aver elaborato piani dettagliati, sono iniziati i lavori per la costruzione, in pietra nuova, di una ricostruzione del South Pylon (da rifinire la prossima stagione). Un lavoro simile (ma questa volta è stato portato a termine) ha portato alla ricostruzione di una nuova pietra nell’angolo nord-est del tempio, un passo importante nel tracciare la linea dell’intero muro nord.
 
Nel corso di questo lavoro, l’area tra i piedistalli per colonne giganti che si trovava di fronte ai piloni, è stata pulita. Ciò ha rivelato una base relativamente ben conservata per una stretta strada rialzata, una rampa o una scala che corre lungo l’asse del tempio.
 
È in preparazione una relazione più ampia per il sito Web del progetto.

Sempre durante questo periodo, Anna Hodgkinson (Freie Universität, Berlino) ha proseguito gli scavi e lo studio del gruppo di piccole case nella città principale associate alla lavorazione del vetro, con finanziamenti dell’Egypt Exploration Society. Il suo rapporto preliminare può essere trovato qui.
 
Resta da ringraziare tutti i nostri sostenitori per la loro continua generosità. Il lavoro appena concluso era stato pianificato per la prima parte dell’anno, ma è stato ritardato con il rilascio tardivo del permesso di sicurezza. Speriamo di iniziare di nuovo gli scavi del Tempio a metà gennaio. Nel frattempo, un team di ricercatori e conservatori rimane sul posto, immerso nella registrazione di materiali – bare, tessuti, capelli e resti umani – dai Cimiteri delle Tombe Sud e del Nord.

Fonte Amarna Project

[:en]

The Amarna Project has just completed its latest period of work. The archaeologists were Barry Kemp, Miriam Bertram, Juan Friedrichs, Anna Hodgkinson, Slawomir Jedraszek and Julia Vilaró. The Ministry of Antiquities was represented successively on site by inspectors Moustafa Khallaf Mansour and Mahmoud Ibrahim Abd el-Samia and, with responsibility for the magazines, inspectors Hanan Mohktar Hakim and Abeer William Matta. Two inspectors, Fatma Sa’ad Sultan and Taysir Abu Sa’ud Ahmed, joined the mission for training in excavation methods for the first month. The mission is grateful to the regional antiquities inspectorate, Gamal Abu Bakr, Mahmoud Salah, Aly Bakri, Ahmed Fathi, Hamada Kallawi and their colleagues for their assistance, and to the Permanent Committee in Cairo for permission to work at Amarna. 
 
The excavation area was again towards the front of the main stone building, the Long Temple, and mainly involved the careful removal of the approximately one-metre depth of rubble laid down in the middle of Akhenaten’s reign to raise the ground level as part of the construction of the Long Temple. In doing this it buried and preserved structures from the early part of his reign. The removal confirmed that the field of mud-brick offering-tables which is a conspicuous feature of old plans of the site on the south side was covered in this way and so was invisible at the time the stone temple was built. Whether they were rebuilt on the new ground level (which is the same as the current ground level) cannot, as yet, be answered.
 
Amongst the earliest structures are two more of the sunken rectangular stone foundations aligned north–south which were intended to have something built on top of them. They are part of a north-south line not equidistantly marked in this way. Did they support stelae? Do they represent the first marking of a perimeter before the area was walled in?
 
Part of the excavated area had subsequently been cleared of structures and given a thick coating of mud plaster originally whitewashed. Lines of post holes and linear marks in the plaster define a rectangular building subdivided into two parts. Within two of the post holes so far fully excavated, fragments of gypsum plaster were wedged, some quite deeply. One of the groups had been painted. The theme appears to be of captive foreigners (thanks to Marsha Hill for help with this identification). This points to the presence of a rectangular area, of which traces can be discerned on the floor, where the king had sat. Post holes at each corner are suggestive of a separately-constructed canopy. (One might also note that the building faces the site of the small stone palace which was later constructed at the higher level.) The modesty of scale and of the method of construction of the building are contrary to what one might expect for something royal at this time.  Were it not for the painted plaster, a more mundane explanation would be in order.
Mud floor exposed by the removal of the levelling rubble which created the new ground level of the later stone temple. The post holes define a rectangular wooden building from a prior phase. The patches of stonework belong to a yet earlier phase. View to the north.

Header image: The north-east corner of the stone temple rebuilt in new blocks over the original foundation lines. The waiting sand is to raise the floor level to one approximating to the original. View to the south-east.

This is not the first evidence at the temple site for buildings using wooden posts and light screen walls. Part of something of this kind was found on the north side of the temple in 2015, and it is well represented as an early phase (discovered in 2012) at the site of the large stela on the ground between the back of the Long Temple and the Sanctuary. In being widely separated, these remnants of wooden architecture suggest a deliberate scheme though one of fairly short duration.
 
In addition to investigating the rubble layer in front of the temple, several old excavations trenches were cleaned of their fill of wind-blown sand. This uncovered the original gypsum-concrete foundation layers for parts of the monumental front of the Long Temple, including the South Pylon. Following the making of detailed plans, work began on constructing, in new stone, a re-creation of the South Pylon (to be finished next season). Similar work (but this time taken to completion) has led to the rebuilding in new stone of the temple’s north-east corner, an important step in marking the line of the entire north wall.
 
In the course of this work, the area between the pedestals for giant columns which stood in front of the pylons, was cleaned. This revealed a relatively well-preserved foundation for a narrow causeway, ramp, or staircase running along the temple axis.
 
A more extensive report is being prepared for the Project’s web site.
Foundation bed of lime-gypsum concrete beneath the site of the South Pylon of the stone temple. A layer of mortar preserves the marks of individual talatat-blocks. View to the south.
Also during this time, Anna Hodgkinson (Freie Universität, Berlin) continued her excavation and study of the group of small houses in the Main City associated with glass-working, with funding from the Egypt Exploration Society. Her preliminary report can be found here
 
It remains to thank all our supporters for their continuing generosity. The work just ended had been planned for the early part of the year but was delayed by late issuing of the security permit. We hope to start up the Temple excavations again in mid-January. In the meantime, a team of researchers and conservators remains on site, immersed in the recording of materials – coffins, textile, hair and human remains – from the South and North Tombs Cemeteries. 

[:]