Crea sito

[:it]Fuori dall’Egitto ho chiamato mio figlio[:en]Out of Egypt Have I called My Son[:]

[:it]Fuori dall’Egitto ho chiamato mio figlio[:en]Out of Egypt Have I called My Son[:]

10/10/2016 Egittologia Religione Spiritualità Storia 0

[:it]

ank-1215054_1280

Un giorno, nel AD 391, il vescovo Romano ha Teofilo marciato dal suo quartier generale nel quartiere Brucheion Rdi Alessandria, a capo di una grande folla urlante, in direzione ovest per il Serapeo, nel cuore del quartiere Egiziano di Rhakotis. Il Serapeo, che era stato il centro di culto Egiziano per sette secoli, era adornato con ampi saloni e colonne, statue, e un gran numero di altre opere d’arte, oltre ad essere la casa della grande biblioteca di Alessandria. La gente freneticamente si precipitò per le strade lungo la strada Canopica, accalcandosi lungo la breve strada che conduceva al tempio di Serapide, per aggiungersi ad altra folla, prima di salire la grande scalinata di marmo, guidata dal vescovo Teofilo. Salirono attraverso la piattaforma di pietra e nel tempio, dove gli eventi della tragedia finale ebbero luogo.

Nella loro frenesia, la folla inferocitaprese poca attenzione degli ornamenti in oro e argento, i preziosi gioielli, le inestimabili statue di bronzo e marmo, le colonne scolpite e dipinte, avorio e mobili esotici; tutti furono fatti a pezzi con grida di piacere. Ma non è tutto: quegli uomini che gridavano, pieni di gioia demoniaca, si diressero poi verso la libreria, dove centinaia di migliaia di rotoli di papiro e pergamene incisi con l’antica saggezza e conoscenza sono stati tolti loro scaffali, fatti a pezzi e gettati sul fuoco.

Serapis_Colosseum1

Fino alla distruzione della sua biblioteca nel AD 391, Alessandria era il più importante centro culturale del mondo antico e il punto focale della reciproca influenza esercitata nella congiunzione del Cristianesimo e l’Ellenismo, nonostante i quattro secoli di supremazia politica di Roma. Fondata da Alessandro Magno nel 331 a.C., è stata la prima città cosmopolita nella storia in cui Macedoni e Greci vissero insieme con gli Egiziani e gli Ebrei, e gli studiosi accorsi da tutto il mondo per fare le loro ricerche. Arrivarono dall’ Italia e Grecia, dall’Anatolia e il Levante, dal Nord Africa, Arabia, e anche dalla Persia e l’India. Non solo essi condivisero una dimora comune in Alessandria, tutti avevano lo stesso desiderio di conoscenza e lo stesso interesse per la filosofia e la saggezza antica, come rappresentato nella dottrina di Ermete Trismegisto e il culto di Serapide. Alessandria era anche il centro del Giudaismo Ellenistico. Fu qui che Filone Giudeo, il primo filosofo Ebreo, scrisse i suoi trentotto libri nel 1 ° secolo d.C.. La città aveva, inoltre, l’unica biblioteca che conteneva quasi tutti i libri delle antiche civiltà, tra cui il testo Greco del Vecchio Testamento. Quindi non è sorprendente che Alessandria divenne presto il principale centro intellettuale Cristiano.

Fino alla fine del IV secolo d.C., epoca in cui la biblioteca di Alessandria fu distrutta, l’Egitto è stato considerato come la terra santa del mondo antico, la fonte della sapienza e della conoscenza dove gli dei si sono affermati per la prima volta. Pellegrini poi, tra cui imperatori romani,arrivarono da tutto il mondo per il culto nei templi di Iside e Serapide, così come ai piedi del Monte Sinai. Questa situazione si è conclusa, tuttavia, negli ultimi anni del regno dell’imperatore Teodosio I, che fu zelante nella sua soppressione del Paganesimo e l’eresia. Imperatore d’Oriente (379-392) e quindi unico imperatore d’Oriente e d’Occidente (392-395), ha stabilito il credo del Concilio di Nicea (il primo concilio di Nicea fu organizzato da Costantino nel 325) come norma universale per l’ortodossia Cristiana e diresse la convocazione del secondo concilio generale a Constantinopble (381) per chiarire la formula.

“E ‘nostro desiderio e il piacere che nessuno dei nostri soggetti, sia magistrati o privati cittadini, tuttavia esaltati o per quanto umile sia il loro rango o condizione, abbia la presunzione in qualsiasi città o in qualsiasi luogo di culto di adorare un idolo inanimato,” ha dichiarato Teodosio nel suo ultimo editto. Folle fanatiche della Chiesa poi vagavano per le terre, radendo al suolo i vecchi templi e saccheggiando la loro ricchezza. Le antiche tombe furono profanate, le pareti dei monumenti raschiate e pulite dei nomi e raffigurazioni di divinità, statue sradicate e fracassate. Ad Alessandria, l’arcivescovo Teofilofu zelante come l’imperatore Teodosio che lo nominò. Una delle sue azioni, che ha avuto luogo nel AD 391, ha provocato la perdita per l’umanità di ogni conoscenza di antica saggezza, e ha completamente spazzato via il ricordo dell’antico Egitto. Questo fu l’incendio di una cifra stimata di mezzo milione di libri che serano stati immagazzinate nella biblioteca di Alessandria.

Teofilo di Alessandria (385-412), è stato uno dei leader ortodossi che rappresentava il governo imperiale inviato da Roma per imporre l’ortodossia ufficiale sulla Chiesa Alessandrina. Condusse una campagna contro il paganesimo e l’eresia in Egitto, che ha incluso la distruzione del Serapeo (il tempio di Serapide), dove era collocata la biblioteca di Alessandria. Come quasi tutti gli abitanti dell’Egittoche  erano stati convertiti al Cristianesimo, il Serapeo, allo stesso tempo, essendo il centro di culto per l’antica trinità Egiziana di Osiride, Iside e Horus, era diventato un punto di riferimento per gli emergenti sette Gnostiche Cristiane.

credo propator gnosi soter

Il primo imperatore Cristiano, Costantino I (324-337 d.C.), aveva fatto il cristianesimo la religione ufficiale dell’impero. Egli ha anche concesso il potere politico alla Chiesa. I Vescovi non solo erano riconosciuti come consiglieri di stato, ma ottennero i diritti giuridici: le loro decisioni per cause civili furono applicate legalmente. I Vescovi non persero tempo per utilizzare il loro potere di nuova acquisizione per diffondere la parola di Dio e di eliminare i suoi nemici, che in questo caso non sono stati solo i pagani, ma anche gli eretici; e Roma considerava i Cristiani Egiziani come eretici.

Secondo la tradizione, la chiesa di Alessandria non fu fondata né da San Pietro né da San Paolo, ma da San Marco Evangelista, prima ancora di quello che si dice di essere stato il primo Consiglio Apostolico di Gerusalemme nel 50 d.C. Una scuola Teologica Cristiana, fiorì anche ad Alessandria, prima della fine del secondo secolo, che divenne un centro influente dello studio del Cristianesimo, tra i cui direttori c’erano Clemente di Alessandria e Origene. Il monachesimo Cristiano, come istituzione, è stato avviato principalmente in Egitto, da San Antonio il Copto (c. 251- 356), che è fuggito alla solitudine del deserto orientale dal suo villaggio natale di Coma. Altri seguirono il suo esempio e la colonia monastica crebbe intorno alla sua grotta nelle montagne del Mar Rosso.

Anche se Alessandria ha dato un contributo importante nello sviluppo della prima teologia Cristiana, i teologi Alessandrini furono fortemente influenzati dalla filosofia di Platone. L’esegesi biblica ad Alessandria era allegorica e mistica, seguendo lo stesso metodo di Filone Giudeo, il filosofo Ebreo, che ha cercato di armonizzare la filosofia e la Bibbia. Gli autori Alessandrini cercarono nei simboli dell’Antico Testamento del Nuovo. Accettando l’unità di Dio, per i primi Cristiani Cgiziani, è stato un processo evolutivo in cui il vecchio sistemafu assimilato nel nuovo, e le vecchie divinità divennero esseri angelici e mediatori tra l’uomo e l’invisibile Signore. Gli idoli, per loro, non rappresentavano le divinità stesse, ma erano solo le forme fisiche in cui gli esseri spirituali potessero dimorare durante la preghiera. Gli insegnanti Gnostici, Basilide, Isidoro e Carpocrate trovarono i loro seguaci ad Alessandria, e gran parte della storia ecclesiastica di questa città riguardava i conflitti causati dalle eresie che apparivano ad Alessandria, come ad esempio l’arianesimo, nestorianesimo eil monofisismo.

isishorusmaryjesus

Il Serapeo, originariamente istituito dai Tolomei, in seguito divenne anche un centro per le comunità gnostiche, sia Ermetica e Cristiana. Alcune sette gnostiche Cristiane crebbero fuori da dentro il culto di Serapide, e non facevano alcuna distinzione tra Cristo e Serapide. Con la distruzione del Serapeo, non solo la conoscenza Egiziana è stata persa, ma anche quella Mesopotamica, Siriano, Fenicia, Ebraica e Greca. L’intera realizzazione scientifica delle antiche civiltà, considerata eresia dal vescovo Teofilo, scomparve in un solo giorno: libri di astronomia, anatomia, medicina, geometria, geografia, storia, filosofia, teologia, letteratura, così come le copie dei primi vangeli gnostici di Cristo. Il risultato è stato l’inizio del Medioevo, che durò per più di dieci secoli. Tutti i rami della scienza, così come gli scritti eretici che non aderivano alla dottrina della Chiesa ortodossa, furono vietati dallo Stato. Questo ha lasciato che i libri canonici della Scrittura fossero la fonte principale della nostra conoscenza fino al Rinascimento nel XV secolo.

Ora, come si comincia a riscrivere la storia antica, l’Egitto, emerge come il luogo di nascita dei maestri spirituali, da Imhotep il primo costruttore della piramide, a Mosè e Akhenaton, che ha riconosciuto l’unità di Dio, ai seguaci di Osiride, Ermete Trismegisto, e di Gesù Cristo che cercato salvezza spirituale e la vita eterna. Grazie agli archeologi moderni, una nuova era ora appare all’orizzonte in cui l’Egitto potrebbe essere ripristinato al suo posto originario. Sembra un adempimento della vecchia profezia, che ha previsto che calamità sarebbero arrivate in Egitto, ma ha anche promesso che l’ordine sarebbe stato finalmente ripristinato di nuovo. Questa profezia si trova nel testo ermetico di Asclepio scoperto tra la biblioteca di Nag Hammadi. Asclepio è un dialogo tra il mistagogo, Ermete Trismegisto, e un iniziato, Asclepio. In una sezione apocalittica, con significativi parallelismi Egiziani e Israeliti, il narratore predice la caduta e la nuova ascesa dell’Egitto:

“sei ignorante, O Asclepio, non sai che l’Egitto è (l’) immagine del cielo? Inoltre, è la dimora del cielo e di tutte le forze che sono in cielo. Se è giusto per noi di dire la verità, la nostra terra è (il) tempio del mondo. Ed è proprio per voi a non essere ignoranti e che verrà un tempo in essa (la nostra terra) (quando) gli Egiziani sembrano aver servito la divinità invano, e tutta l’attività della loro religione sarà disprezzata. Tutte le divinità lasceranno l’Egitto e fuggiranno verso l’alto, verso il cielo. E l’Egitto sarà vedovo; sarà abbandonato dagli dei.

E gli stranieri entreranno in Egitto, e lo governeranno… E in quel giorno il paese che era il più pio di tutti, diventerà empio. Non sarà più ricco di templi, ma sarà pieno di tombe… Egitto, amante di Dio, e dimora degli dei, la scuola di religione, diventerà un esempio di empietà…  [Poi l’Egitto verrà ripristinato di nuovo.] E i signori della terra… si stabiliranno in una città che si trova in un angolo d’Egitto che sarà costruita verso il tramonto del sole.”

cosmogenesi_oltre_il_velo

 

Isaia, il profeta dell’Antico Testamento, conferma questa profezia e predice la comparsa di un ‘salvatore’ in Egitto:

Il fardello dell’Egitto. Ecco, il Signore cavalca una nuvola leggera, ed entra in Egitto e gli idoli d’Egitto devono essere spostati dalla sua presenza, e il cuore dell’Egitto deve sciogliersi nel mezzo di esso. E io metterò gli Egiziani contro gli Egiziani: ed essi combatteranno ognuno contro il proprio fratello, e ciascuno contro il suo vicino. . . E lo spirito di Egitto svanirà… In quel giorno ci sarà un altare dedicato al Signore in mezzo al paese d’Egitto, e una stele presso la frontiera, in onore al Signore. Sarà un segno e una testimonianza per il Signore degli eserciti nel paese d’Egitto. . . ed egli manderà loro il salvatore, un grande, e lui li libererà.

ISAIA 19: 1-3; 19-20

Il Vangelo di Matteo, nel suo racconto della nascita di Cristo, ha confermato che il Salvatore predetto da Isaia a comparire in Egitto era la stessa persona di Gesù. Per giustificare la sua apparizione in Palestina, Matteo ha introdotto la storia del viaggio del Sacra Famiglia in Egitto e, usando le parole del profeta Osea (11: 1), ha annunciato il compimento della profezia di Isaia in lui:

“… Che si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: Dall’Egitto ho chiamato mio figlio”. (Mat. 2: 15)

[:en]

ank-1215054_1280

One day in AD 391, the Roman appointed Bishop Theophilus marched from his headquarters in the Brucheion Royal quarter of Alexandria, at the head of a large howling mob, heading west for the Serapeum in the heart of the Egyptian quarter of Rhakotis. The Serapeum, which had been the centre of Egyptian worship for seven centuries, was adorned with extensive columned halls, almost-breathing statues, and a great number of other works of art, as well as being the house of the Great Alexandrian library. The frenzied people rushed through the streets along the Canopic way, turning into the short street that led to the temple-area of Serapis, meeting other crowds there, before climbing up the great flight of marble steps, led by Bishop Theophilus. They jumped their way across the stone platform and into the temple, where the events of the final tragedy took place.

In their agitated mood, the angry mob took little heed of the gold and silver ornaments, the precious jewels, the priceless bronze and marble statues, the rare murals and tapestries, the carved and painted pillars, granite, many marbles, ebony and scented woods, ivory and exotic furniture; all were smashed to pieces with cries of pleasure. But that was not all: Those shouting men, filled with demoniac delight, then turned to the library, where hundreds of thousands of papyrus rolls and parchments inscribed with ancient wisdom and knowledge were taken off their shelves, torn to pieces, and thrown to the fire.

Serapis_Colosseum2

Until the destruction of its library in AD 391, Alexandria had remained the most important cultural centre of the ancient world and the focal point of the mutual influence exercised in the conjunction of Christianity and Hellenism, in spite of four centuries of Rome’s political supremacy. Founded by Alexander the Great in 331 BC, it was the first real cosmopolitan city in history where Macedonians and Greeks lived together with Egyptians and Jews, and scholars flocked in from all over the world to do their research. They came from Italy and Greece, from Anatolia and the Levant, from northern Africa, Arabia, and even from Persia and India. Not only did they share a common habitation in Alexandria, they all had the same longing for knowledge and the same interest in philosophy and ancient wisdom as represented in the teaching of Hermes Trismegistus and the worship of Serapis. Alexandria was also the centre of Hellenistic Judaism. It was here that Philo Judaeus, the first Jewish philosopher, wrote his thirty-eight books in the 1st century AD. The city had, in addition, the only library containing almost all the books of ancient civilizations, including the Greek text of the Old Testament. Hence it is not astonishing that Alexandria early became the main Christian intellectual centre.

Up to the end of the fourth century AD, the time when the Alexandrian library was destroyed, Egypt was regarded as the holy land of the ancient world, the source of wisdom and knowledge where the gods became known for the first time. Pilgrims then, including Roman emperors, came from all over the world to worship in the temples of Isis and Serapis, as well as at the foot of Mount Sinai. This situation came to an end, however, in the latter years of the reign of Emperor Theodosius I, who was zealous in his suppression of both paganism and heresy. Emperor of the East (379-392) and then sole emperor of both East and West (392-395), he established the creed of the Council of Nicaea (the first council of Nicaea was organized by Constantine in 325) as a universal norm for Christian orthodoxy and directed the convening of the second general council at Constantinopble (381) to clarify the formula.

“It is our wish and pleasure that none of our subjects, whether magistrates or private citizens, however exalted or however humble may be their rank or condition, shall presume in any city or in any place to worship an inanimate idol,” declared Theodosius in his last edict. Fanatical mobs of the Church then roamed the lands, razing old temples to the ground and plundering their wealth. Ancient tombs were desecrated, walls of monuments scraped clean of names and depictions of deities, statues toppled over and smashed. In Alexandria, Archbishop Theophilus was as zealous as Emperor Theodosius who appointed him. One of his zealous actions, which took place in AD 391, resulted in the loss for mankind of all knowledge of ancient wisdom, and completely wiped out the memory of ancient Egypt. That was the burning of an estimated half a million books that were stored in the Alexandrian library.

isishorusmaryjesus

Theophilus of Alexandria (385-412), was one of the orthodox leaders who represented the imperial government dispatched from Rome to impose official orthodoxy on the Alexandrian Church. He led a campaign against paganism and heresy in Egypt that included the destruction of the Serapeum (the temple of Serapis), where the Alexandrian library was placed. As almost all inhabitants of Egypt had been converted to Christianity, the Serapeum, at the same time being the centre of worship for the ancient Egyptian trinity of Osiris, Isis and Horus, had become a focal point for the emerging Gnostic Christian sects.

The first Christian emperor, Constantine I (AD 324-337), had made Christianity the official religion of the empire. He also granted political power to the Church. Bishops not only were recognized as counselors of state, but obtained juridical rights: their solutions to civil suits were legally enforced. The bishops wasted no time in using their newly acquired power to spread the word of God and stamp out his enemies, who in this case were not only the pagans, but also the heretics; and Rome regarded Egyptian Christians as heretics.

According to tradition the church of Alexandria was founded neither by St. Peter nor by St. Paul, but by St. Mark the evangelist, even before what is said to have been the first Apostolic Council of Jerusalem in 50 AD. The first Christian theological school to be established anywhere in the world also flourished in Alexandria before the end of the second century, which became an influential centre of Christian scholarship, among whose directors were the famous Clement of Alexandria and Origen. Christian monasticism, as an institution, was initiated principally in Egypt by St. Antony the Copt (c. 251- 356), who fled to the solitude of the eastern desert from his native village of Coma. Others followed his example and the monastic colony arose around his cave in the Red Sea mountains.

naghammadi

Although Alexandria made an important contribution in developing the first systematic Christian theology, the Alexandrian theologians were strongly influenced by Plato’s philosophy. Biblical exegesis at Alexandria was allegorical and mystical, following the same method as Philo Judaeus, the Jewish philosopher, who tried to harmonize philosophy and the Bible. The Alexandrian authors sought out in the Old Testament symbols of the New. Accepting the unity of God, for early Egyptian Christians, was an evolutionary process in which the old system was assimilated into the new, and old deities became angelic beings and mediators between man and the unseen Lord. Idols, for them, did not represent the deities themselves but were merely physical forms in which the spiritual beings could dwell during prayer. The Gnostic teachers Basilides, Isidorus, and Carpocrates found their followers at Alexandria, and much of the ecclesiastical history of this city was concerned with the conflicts caused by the heresies that appeared in Alexandria, such as Arianism, Nestorianism, Eutychianism, and Monophysitism.

The Serapeum, originally established by the Ptolemies, later became also a centre for Gnostic communities, both Hermetic and Christian. Some Gnostic Christian sects grew out from within the cult of Serapis, and made no distinction between Christ and Serapis. With the destruction of the Serapeum, not only Egyptian knowledge was lost, but also Mesopotamian, Syrian, Phoenician, Jewish, and Greek. The whole scientific achievement of the old civilizations, regarded as heresy by Bishop Theophilus, disappeared in a single day: books on Astronomy, Anatomy, Medicine, Geometry, Geography, History, Philosophy, Theology, Literature, as well as copies of the early Gnostic gospels of Christ. The result was the beginning of the Dark Ages, which lasted for more than ten centuries after that. All branches of science, as well as heretic writings that did not adhere to the teaching of the orthodox Church, were forbidden by the state. This left the canonic books of the Scripture to be the main source of our knowledge until the Renaissance in the fifteenth century.

credo propator gnosi soter

Now as we start to rewrite our ancient history, Egypt emerges as the birth place of our spiritual teachers, from Imhotep the first pyramid builder, to Moses and Akhenaton, who recognized the unity of God, to the followers of Osiris, Hermes Trismegistus, and of Jesus Christ who looked for spiritual salvation and eternal life. Thanks to modern archaeologists, a new age now appears on the horizon where Egypt could be restored to its original place. It looks like a fulfillment of the old prophesy, which predicted that woes would come upon Egypt, but also promised that order would finally be restored again. This prophesy is found in the Hermetic text of Asclepius discovered among the Nag Hammadi library. Asclepius is a dialogue between the mystagogue, Hermes Trismegistus, and an initiate, Asclepius. In an apocalyptic section, with significant Egyptian and Israelite parallels, the speaker predicts the fall, then the rise again of Egypt:

” . . . are you ignorant, O Asclepius, that Egypt is (the) image of heaven? Moreover, it is the dwelling place of heaven and all the forces that are in heaven. If it is proper for us to speak the truth, our land is (the) temple of the world. And it is proper for you not to be ignorant that a time will come in it (our land) (when) Egyptians will seem to have served the divinity in vain, and all their activity in their religion will be despised. For all divinity will leave Egypt and will flee upward to heaven. And Egypt will be widowed; it will be abandoned by the gods. For foreigners will come into Egypt, and they will rule it . . . And in that day the country that was more pious than all countries will become impious. No longer will it be full of temples, but it will be full of tombs . . . Egypt, lover of God, and the dwelling place of the gods, school of religion, will become an example of impiousness . . . [Then Egypt will be restored again] And the lords of the earth . . . will establish themselves in a city that is in a corner of Egypt and that will be built toward the setting of the sun . . .”

AKHENATON

Isaiah, the Old Testament prophet, confirms this prophesy and foretells the appearance of a ‘saviour’ in Egypt:

“The burden of Egypt. Behold, the Lord rideth upon a swift cloud, and shall come into Egypt: and the idols of Egypt shall be moved at his presence, and the heart of Egypt shall melt in the midst of it. And I will set the Egyptians against the Egyptians: and they shall fight every one against his brother, and every one against his neighbor . . . And the spirit of Egypt shall fail in the midst thereof . . . In that day shall there be an altar to the Lord in the midst of the land of Egypt, and a pillar at the border thereof to the Lord. And it shall be for a sign and for a witness unto the Lord of hosts in the land of Egypt . . . and he shall send them a saviour, and a great one, and he shall deliver them.” (Isaiah 19:1-3, 19-20)

The gospel of Matthew, in his account of the birth of Christ, confirmed that the saviour foretold by Isaiah to appear in Egypt was the same person as Jesus. In order to justify his appearance in Palestine, Matthew introduced the story of the holy family’s flight to Egypt and, using the words of the prophet Hosea (11:1), announced the fulfillment of Isaiah’s prophesy in him:

“. . . that it might be fulfilled which was spoken of the Lord by the prophet, saying, Out of Egypt have I called my son.” (Mat. 2: 15)

Ahmed Osman

Historian, lecturer, researcher and author, Ahmed Osman is a British Egyptologist born in Cairo

His four in-depth books clarifying the history of the Bible and Egypt are: Stranger in the Valley of the Kings (1987) – Moses: Pharaoh of Egypt (1990) – The House of the Messiah (1992) – Out of Egypt (1998)

[:]